Cerca

Verso

Ncd, il piano di Angelino Alfano: un gruppo parlamentare unico con Udc, Scelta Civica e ribelli di Forza Italia

Ncd, il piano di Angelino Alfano: un gruppo parlamentare unico con Udc, Scelta Civica e ribelli di Forza Italia

Dal Nuovo Centrodestra alla Costituente Popolare: visti gli esigui numeri di Ncd tra Camera e Senato, il segretario Angelino Alfano pensa a un cambiamento per non scomparire. Secondo quanto riportato dal quotidiano Repubblica, il ministro degli Interni sarebbe già pronto ad allargare il campo e a rivoluzionare anche il nome del gruppo parlamentare: Costituente Popolare.

Chi sta con Alfano - In questo periodo di evidente difficoltà per il centrodestra, il progetto di Alfano si propone di riunire e accogliere, in particolare al Senato, eventuali fuoriusciti di Forza Italia. Scelta Civica è ormai sull'orlo del baratro, l'Udc paga le conseguenze del duello tra Pierferdinando Casini e Lorenzo Cesa, mentre i popolari di Mario Mauro hanno rotto con quasi tutti i compagni. Per allargare i gruppi parlamentari e ripartire si è quindi pensato di lanciare il nuovo gruppo. Con gli eletti dell'Udc, sarebbero circa 20 i parlamentari disponibili all'unione con Ncd, arrivando così ad un totale di 45 deputati.

I dubbi di Casini - Ma il vero punto critico è il Senato, dove si decide del futuro dell'esecutivo. Gli alfaniani sono già 32 e con il nuovo progetto arriverebbero a 40. Aderiranno probabilmente anche Casini, De Poli e forse anche Mauro con altri due o tre senatori. Non mancano però i contrari come Antonio Azzolini, Carlo Giovanardi e Giuseppe Esposito. E se all'interno dell'Udc Cesa è favorevole all'unione, Casini in realtà è ancora titubante, anche se a degli amici secondo Repubblica avrebbe confidato: "Io ormai ho un ruolo diverso, non penso che sia la strada giusta. E poi dove porterà questo progetto? In ogni caso quando mi diranno a quale gruppo aderire, lo farò".

L'abbraccio ai ribelli di Forza Italia - I problemi giudiziari di Berlusconi potrebbero portare a una frattura definitiva di Forza Italia,e la Costituente popolare mira proprio ad assorbire i cosiddetti "ribelli" dell'ala meridionale del gruppo dell'ex premier. Il grande dubbio, però, è se le discordie tra Alfano e Raffaele Fitto possano appianarsi in nome del progetto di un nuovo centro destra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TurboC

    18 Luglio 2014 - 15:03

    Bravo Alfano! alleati con chiunque possa farti raggiungere una percentuale che non ti faccia vergognare alle prossime elezioni, poi quando otterrai il tuo misero 4% o poco più, fa il pallone gonfiato e di che è tutto merito tuo e del NcD. non hai fatto mica così alle scorse Europee? da come sbandieravi per il tuo misero 4 % sembrava quasi che l'UdC non fosse nemmeno tuo alleato..

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    18 Luglio 2014 - 13:01

    un uomo pieno di risorse, di progetti, seguito da nessuno, continua a sperare.... alle politiche vai a casa!

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    18 Luglio 2014 - 13:01

    ahahah sciolta civica: 1%, ncd 2% udc 2 % i ribelli meno 3%

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    18 Luglio 2014 - 12:12

    Alfano, un nome un marchio, una garanzia, si, di finire ridicolmente nella merda!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog