Cerca

La strategia

Franco Coppi: "Non chiediamo la grazia per Berlusconi"

Franco Coppi: "Non chiediamo la grazia per Berlusconi"

Una grazia per Silvio Belrusconi. Renato Brunetta la chiede a gran voce dopo l'assoluzione nel processo Ruby. Il capogruppo vuole sfruttare il momento favorevole per chiedere a Re Giorgio quella clemenza che il Cav attende da tempo per la condanna definitiva nel processo Mediaset. "La grazia subito per Berlusconi, se esiste un po’ di decenza", ha affermato il capogruppo azzurro. Ma a frenare la battaglia pro-grazia di Forza Italia è l'avvocato Franco Coppi: "Di questo non ne abbiamo parlato. Non ci sono rapporti tra le due cose. Assolutamente no. Non è un argomento all'ordine del giorno e non è un tema in discussione, almeno per il momento". Insomma l'avvocato di Silvio Berlusconi, interpellato da Affaritaliani.it, esclude che l'ex premier possa chiedere la grazia al Presidente Napolitano per la condanna definitiva sul caso Mediaset, come invece invocata da Renato Brunetta.

Pronti per la Cassazione - Tornando all'assoluzione, il legale del leader di Forza Italia afferma: "Bisogna aspettare le motivazioni altrimenti sono discorsi tutti ipotetici. Si sono presi 90 giorni e bisogna avere pazienza. E' difficile conoscere tutti i percorsi, sono giunti a decisioni drastiche però poi dire di più è difficile". E a questo punto che cosa succede? "Se il procuratore generale lo ritiene può fare ricorso in Cassazione. E noi certamente non lasceremo senza difesa Silvio Berlusconi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    19 Luglio 2014 - 21:09

    Bravo Coppi! Niente grazia, se no certa stampa direbbe che il Vecchio ha mosso 1 diti, Non sia mai. Caso mai, visto che è vittima, va chiesto un risarcimento esemplare!!!!

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    19 Luglio 2014 - 18:06

    Ha ragione Coppi. Chiedere la grazia indebolirebbe il Cav. Si deve arrivare alla revisione di un processo in cui è stato condannato un tizio che, al momento dei fatti, non aveva alcuna responsabilità aziendale.

    Report

    Rispondi

    • Chry

      20 Luglio 2014 - 03:03

      'responsabilità aziendale' ???

      Report

      Rispondi

    • zhoe248

      19 Luglio 2014 - 22:10

      Non solo non aveva responsabilità aziendale ma la frode non è stata mai provata. SB è stato condannato in base ad una "ipotesi di reato". Mediaset pagava i prodotti meno della RAI, ma secondo i giudici erano ugualmente "gonfiati per eludere il fisco. Queste demenzialità accadono solo in Italia. Capito perchè le aziende straniere non vengono ad investire da noi? Com buona pace dei disoccupati.

      Report

      Rispondi

  • zhoe248

    19 Luglio 2014 - 16:04

    Ma quale grazia, la grazia la chiedono i colpevoli e il Cav. è vittima di ingiustizia. Figuriamoci poi chiederla al vecchio comunista, lui sì che di colpe sulla coscienza ne ha e dovrà presto renderne conto al giudice supremo. Brunetta la smettesse di rompere con sta grazia. Pensasse a risolvere la questione della riduzione delle tasse e il problema della disoccupazione.

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    19 Luglio 2014 - 15:03

    Nessuna richiesta di grazia, sarebbe come ammettere di essere colpevole di frode fiscale, cosa che il Cavaliere ha sempre ostinatamente negato. Questione di dignità. Quanto all'affaire Ruby, sono certo che il Procuratore generale ricorrerà in Cassazione: in Italia succede di tutto, se trova un giudice come quello del processo Mediaset ci si può aspettare qualsiasi sorpresa.

    Report

    Rispondi

    • fonty

      fonty

      19 Luglio 2014 - 16:04

      Certo. Piccoli Espositi crescono nel vivaio borbonico della giustizia.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog