Cerca

I nomi per la poltrona

Fini al sud, Casini al Senato in 5 regioni, Bindi in Calabria e Finocchiaro in Puglia
Ecco le liste del Prof e di Bersani

Dalla Lombardia alla Sicilia la vera partita è per Palazzo Madama. Tutti i big vanno al Senato. Solo "mister 1 per cento" sceglie Montecitorio

Fini al sud, Casini al Senato in 5 regioni, Bindi in Calabria e Finocchiaro in Puglia
Ecco le liste del Prof e di Bersani

 

Le liste sono pronte. Il Pd le ha già preparate e depositate. Dopo le parlamentarie dello scorso 29 e 30 dicembre i giochi sono fatti. Qualche bufera è nata per colpa di qualche "impresentabile" come Vladimiro Crisafulli e Antonio Papania che tagliati fuori in Sicilia hanno scatenato un terremoto in via Del Nazareno. Ora che il tempo è scaduto i nomi saltano fuori. 

 

 

C'è di tutto, dai big di partito ai giornalisti chiamati in campo all'ultimo minuto. Bersani è capolista alla Camera in Lomardia, Lazio e Sicilia. Sempre in Lombardia, terra di scontro accesissimo in vista anche delle regionali e per il Risiko del Senato alla Camera, in Lombardia 2-3 ci sono in prima fila Carlo dell'Arringa e Cinzia Fontana. Al Senato invece si prende il primo posto il giornalista del Corriere della Sera, Massimo Mucchetti. L'ex candidata alle primarie Laura Puppato va in prima fila in Veneto per il Senato. In Piemonte un altro big. Cesare Damiano ex ministro del lavoro è capolista alla Camera per Piemonte 1.  Al Senato c'è Ignazio Marino. In Emilia Romagna invece per la Camera si piazza davanti a tutti Dario Franceschini e al Senato la sportiva Josefa Idem. Nel Lazio il capolista al senato è Piero Grasso, l'ex procuratore nazionale antimafia che in mezzo ad una bufera di polemiche ha deciso di mollare la toga per la poltrona. Il vice segretario Enrico Letta ha invece scelto Le Marche per provare la scalata a Montecitorio. A sud i nomi diventano pesantissimi. In Campania c'è al numero uno per la Camera Guglielmo Epifani, l'ex segretario generale della Cgil. Al Senato invece c'è la giornalista Rosaria Capacchione. In Calabria invece c'è il buen retiro di Rosy Bindi che con tanto di deroga è capolista alla Camera. In Puglia invece, sempre per far spazio ai giovani c'è Anna Finocchiaro, capolista al Senato. In Sicilia infine c'è il big dei giornalisti democratici. Corradino Mineo è capolista al Senato. 

Il Prof e il suo centrino - Anche il centrino del Prof ha chiuso i giochi. Al Senato la lista è unica. Uomini Udc, Fli e di Scelta Civica tutte in un unico listone per aggirare lo sbarramento del Senato. In Lombardia c'è Gabriele Albertini che è candidato anche alla carica di governatore. In Piemonte c'è Andrea Oliviero ex presidente delle Acli. Pietro Ichino, giuslavorista strappato dal Prof al Pd è capolista in Tosacana. In Sardegna invece c'è Mario Sechi che è al numero uno per palazzo Madama. Pierferdinando Casini invece è capolista in cinque regioni: Lazio, Campania, Sicilia, Basilicata e Calabria. Alla Camera invece dove il centrino è smebrato su tre liste, Scelta Civica, Fli e Udc, i nomi dei big sono pochi. Ma uno è pesante. Mister "1 per cento", Gianfranco Fini si butta in Campania come capolista alla Camera e dietro si porta anche Italo Bocchino. In Sicilia c'è il nome di Fabio Granata, anche lui dietro l'onnipresente Fini. In Puglia invece c'è Roberto Menia. Poi c'è per l'Udc Lorenzo Cesa che sarà capolista in Basilicata, Calabria e Lazio2.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • levantino

    22 Gennaio 2013 - 14:02

    Vadano a lavorare. A zappare la terra così capiranno come sia dura lavorare sul serio.

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    22 Gennaio 2013 - 09:09

    Parlare di rinnovamento votando due parassiti che stanno a sfruttare la situazione da trent'anni è una cosa abominevole. Speriamo che al sud non siano tanto stolti da prendere ancora in considerazione quei due.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    22 Gennaio 2013 - 09:09

    In lista per un posto di terzino nel Milan Ha fatto di tutto, puo' fare an che quello. Meno male che perderà il PDL: che governo sarebbe!!|

    Report

    Rispondi

  • solerosso34

    21 Gennaio 2013 - 22:10

    mi ripeto: vi prego non votate FINI e CASINI sono 2 facce lato B continuano a ripresentarsi alle elezioni senza vergogna. Parlano di rinnovamento e loro dopo 30 anni di presenza vergognosa in parlamento ci riprovano:ITALIANI votate magari i loro partiti ma non LORO!!!!!!!

    Report

    Rispondi

blog