Cerca

Cecchini democratici

Riforma del Senato, Alfredo D'Attorre (Pd): "Renzi minaccia il voto anticipato? Non spaventa nessuno"

Riforma del Senato, Alfredo D'Attorre (Pd): "Renzi minaccia il voto anticipato? Non spaventa nessuno"

Il Pd, o almeno metà di esso, è furioso. La "palude" di Palazzo Madama sta rallentando la corsa del ddl Boschi, con l'aiutino (involontario?) del presidente Pietro Grasso. Per ora, Matteo Renzi per ora fa buon viso a cattivo gioco, chiarendo di essere disposto a far slittare il voto finale alla riforma del Senato "a settembre, ma solo con garanzie certe". Come dire: niente colpi bassi, perché altrimenti si torna al voto anche senza riforma del Senato e di legge elettorale. Ma c'è chi, come il bersaniano Alfredo D'Attorre, esponente di spicco di Area riformista (per intendersi, i "cuperliani"), lancia a sua volta un avvertimento al premier: "Minacciare le elezioni se non passano le riforme è da Tafazzi...".

"Perché a Renzi non conviene tornare alle urne" - La critica è diretta soprattutto al renziano Roberto Giachetti e all'ex giovane turco Matteo Orfini, i più solerti nell'agitare lo spettro del voto: "La minaccia non spaventa nessuno, anche un bambino sa riconoscere una pistola ad acqua...". Il motivo è strategico: "Andare al voto con il Consultellum - spiega D'Attorre a Repubblica -, la legge elettorale uscita dalla sentenza della Consulta, non va bene né per il paese, né per il Pd né per Renzi. Noi democratici saremmo i più danneggiati da un voto anticipato con il proporzionale puro, con una preferenza singola e con circoscrizioni di ampiezza regionale". C'è poi la questione economica, con uno scenario in autunno catastrofico: "Non avremmo la legge di stabilità, il paese andrebbe in esercizio provvisorio, ci ritroveremmo con la Troika che commissaria l'Italia e senza gli 80 euro in busta paga nel 2015...".

La strategia dei renziani - Una personalità molto vicina a Renzi come Debora Serracchiani, ospite di i a La7, ha ribattuto: "Mi sembra che Renzi sia l'unico a voler portare davvero a termine la legislatura. Mi auguro che ci riesca, perché altrimenti si dovrebbe approntare la campagna elettorale anticipata". Il dubbio nella testa di Renzi è chiaro: mi conviene di più tirare a campare, accettando i tempi del Parlamento, oppure rischiare tutto, tornare al voto e scaricare la colpa sulla "palude"? A giudicare la spregiudicatezza dimostrata fin qui, il premier in cuor suo sembra aver già deciso. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    25 Luglio 2014 - 14:02

    Scusatemi...ma il famoso 40%?

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    24 Luglio 2014 - 20:08

    Comunque vada una cosa é certa... che si vada presto o più in là, alle elezioni il 40% se lo può scordare, ormai si é capito bene di che pasta sia fatto questo politico rampante... la stessa pèrecisa identica degli arruffoni ed arraffoni.

    Report

    Rispondi

    • capitanuncino

      25 Luglio 2014 - 14:02

      Nume tutelare.Il vostro commento è vero e lo condivido il pieno accordo.Truffatori sono e truffatori rimangono.Buona giornata.

      Report

      Rispondi

  • betzero

    24 Luglio 2014 - 14:02

    E' il caso di mettere i puntini sulle i: la Presidenza ed il governo non sono organi legislativi e quello in atto è un ricatto all'organo legislativo (il Parlamento). Le opposizioni vogliono soltanto che il nuovo Senato sia elettivo ed è un loro diritto! Nessuno si oppone alla riduzione dei senatori e a modificare i compiti del Senato; anzi, c'è chi dice (Minzolini) che lo si può abolire del tutto

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    24 Luglio 2014 - 14:02

    che partito il Pd, tutti contro tutto e contro tutti. sono li per fare ammucchiata, per tirare fine mese, per rallentare le riforme... Sta minoranza di niet non può farsi una lista da sola?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog