Cerca

La beffa

Forza Italia, sequestrate le cartelle cliniche di Giancarlo Galan

Forza Italia, sequestrate le cartelle cliniche di Giancarlo Galan

Non si placa l'assedio giudiziario sulle spalle di Giancarlo Galan. Il senatore azzurro ha vissuto il suo primo giorno da detenuto in una cella singola del centro clinico del carcere di Opera. Ha passato la notte tranquillamente e ora dovrà aspettare venerdì prossimo, quando sarà sentito per rogatoria dal gip di Milano Cristina Di Censo, per conoscere il suo immediato futuro giudiziario. Ma le toghe vogliono vederci chiaro sulle sue condizioni di salute.  

Sequestrate le cartelle - I magistrati della Procura di Venezia vogliono capire perchè un paziente ritenuto fino a una settimana prima “intrasportabile”, per i problemi circolatori connessi all’ingessatura alla gamba, sia stato così velocemente mandato a casa dai medici dell’ospedale di Este. Per di più giusto nel momento in cui Montecitorio diceva votava il sì all’arresto. Per questo hanno inviato la Guardia di Finanza a porre sotto sequestro nel nosocomio la cartella clinica di Galan, dimesso ieri dopo 12 giorni di degenza per una tromboflebite e per altri problemi legati al diabete. Pronta la risposta dei medici di Este non c’è nessun mistero né dietrologia dietro le dimissioni lampo del deputato di Forza Italia. "Il paziente - ha spiegato il direttore medico, Enrico Agnoletto - è stato dimesso quando si è avuta conferma che il quadro degli esami e quello clinico si erano stabilizzati, e poteva andare a domicilio". "Noi agiamo come medici - ha aggiunto - non valutiamo altre ragioni. Se Galan fosse stato dimesso proprio il giorno prima del voto che cosa si sarebbe detto? La polemica ci sarebbe stata comunque". Insomma ai magistrati non basta Galan in cella. Ora vogliono mettere in dubbio anche le sue condizioni di salute. L'ennesimo schiaffo giustizialista...



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • NipotediMubarak

    24 Luglio 2014 - 14:02

    "Eh si ma Penati..." in 3, 2, 1....

    Report

    Rispondi

  • fplato

    24 Luglio 2014 - 14:02

    Galan a me non sta simpatico, non sono mai stato entusiasta né del governatore, né del ministro. Non so poi se sia o no colpevole. Andare in cella però senza essere mai stato neanche sentito dalla procura mi sembra una enormità. Ora sarà interrogato, ma da galeotto, da ex potente umiliato. Indipendentemente dalla sua colpevolezza questo più che esercizio di giustizia mi sembra vendetta.

    Report

    Rispondi

    • vival

      24 Luglio 2014 - 20:08

      no, caro mio, è stato già sentito e più di una volta.

      Report

      Rispondi

  • Chry

    24 Luglio 2014 - 13:01

    ecco a voi il nuovo martire della destra Berlusconiana, accanirsi con un povero vecchio invalido, maledetta magistratura, che deve fare un politico per essere creduto, che dubitate?! che non serva un'ambulanza ed i portantini per una gamba ingessata?! meschini, quest'uomo prelevato nelle sue condizioni poteva anche morire.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    24 Luglio 2014 - 13:01

    Questa dei PM è un'arma a doppio taglio. Infatti se dalle cartelle cliniche dovesse risultare che tutto si è svolto correttamente, ci farebbero la solita figura di m... quella che puzza!!! Peccato che ormai ci sono abituati, tanto non pagano mai per le loro corbellerie!

    Report

    Rispondi

    • antari

      25 Luglio 2014 - 09:09

      visto quel che scrive, avrebbe dovuto mettere una T nel suo nick, al posto di quella R.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog