Cerca

Lo scontro

Beppe Grillo ai suoi: "Non parlate più col Colle"

Beppe Grillo ai suoi: "Non parlate più col Colle"

Tra Renzi e Beppe Grillo è scontro aperto. I due leader si beccano a distanza mentre in Aula va avnti il dibattito sulle riforme. Dopo il sit-in dei pentastellati davanti al Colle per l'uso della tagliola arriva la risposta del premier: "Dopo 4 voti in parlamento, faremo referendum. Perché le opposizioni urlano? Di cosa hanno paura? Del voto degli italiani? #noalibi». Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio, Matteo Renzi. In un successivo tweet Renzi si rivolge al leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo: "Dice Grillo che il nostro è un colpo di stato. Caro Beppe: si dice sole. Il tuo è un colpo di sole!". Sul tema delle riforme il vice presidente della Camera ed esponente del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, a margine di un incontro a Castellammare di Stabia ha detto: "Ci ripensino, aprano sui temi importanti come il Senato elettivo, l'immunità parlamentare, la riduzione dei deputati e dei loro stipendi e noi ci saremo". 

Botta e risposta - Sempre su twitter il premier in mattinata aveva scritto: "Non mi stupiscono privilegiati che contestano norma su tetto 240mila euro. Mi stupiscono le opposizioni che si schierano con loro". Con un solo tweet, lanciando l'hashtag #madovevivono, Renzi aveva polemizzato sia con i dipendenti della Camera che protestano contro i tagli agli stipendi sia con chi, dalla minoranza, li difende". Intanto Grillo tuona dal suo blog ancora contro il Colle: "Si chiama colpo di Stato. Mussolini ebbe più pudore, non lo chiamò riforme". Come d'abitudine Beppe Grillo va ad alzare i toni dello scontro. Giorgio Napolitano deve dimettersi. E' lui il regista di questo scempio". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • munarigluca

    25 Luglio 2014 - 17:05

    cambiano le persone ma la storia è sempre la stessa è un teatrino globale del potere dove di serio e reale non c'è più nulla è tutto farsesco le alleanze le opposizioni i premier il monarca che come un ubriacone se si sveglia la mattina con il piede sinistro comincia a lanciare anatemi e così via per forza si arriverà allo sciopero fiscale, unico modo perchè si faccia qualcosa..a mali estremi..

    Report

    Rispondi

blog