Cerca

La mossa

Forza Italia, Silvio Berlusconi e l'ipotesi rimpasto di governo

Forza Italia, Silvio Berlusconi e l'ipotesi rimpasto di governo

"Uno dei problemi di Renzi è che politicamente non può reggere una maggioranza con un partitino come Ncd che, insieme all'Udc, non arriva al 5 per cento. Gli ci vorrebbe un rimpasto". Sarebbe questo il pensiero di Silvio Berlusconi dopo il no all'incontro con Matteo Renzi. La posizione del Cav è chiara: il governo non ha i numeri (soprattutto al Senato) per fare quelle riforme di cui ha bisogno il Paese. E così secondo chi sta vicino all'ex premier comincia a pensare che da qualche parte ad Arcore si pensi ad un'entrata di Forza Italia nel governo. Di fatto Matteo Renzi non pare vogli rispettare del tutto il patto del Nazareno.

La strategia - Le picche di Alfano all'appello del Cav per la reunion del centrodestra fanno pensare ad un nuovo asse Angelino-Matteo per tagliare fuori il Cav dal tavolo delle trattative. Secondo alcune indiscrezioni raccontate dal Corriere al cuni esponensti di Ncd ieri avrebbero avvicinato Renzi dicendogli queste parole che suonano come un avvertimento sinistro: "Molte cose al Senato non tornano. C'è un'atmosfera strana. State attenti che Berlusconi non faccia saltare tutto...". E Silvio l'allarme lo aveva lanciato da tempo: "Il Senato è un'istituzione di duemila anni che non si lascerà cancellare in pochi giorni". E' in questo quadro di passi avanti e di retromarce improvvise da parte di Renzi e dello stesso Silvio che spunta l'ipotesi di un ingresso del Cav nel governo.

Il rimpasto - L'ipotesi di un rimpasto ha due chiavi di lettura: la prima riguarda gli equilibri di Ncd. Secondo il Cav riequilibrare la compagine di governo potrebbe rafforzare il governo e soprattutto dare il via ad una fase due del Nazareno ponendo Forza Italia come unico interlocutore di Renzi. L'altra ipotesi, più improbabile, ma comunque da registrare è che Silvio pensi ad un rimpasto di governo con esponenti di Forza Italia o quanto meno vicini all'area azzurri. Il tutto per blindare le riforme e portare avanti il piano del Nazareno. Una cosa è certa: qualunque rimpasto di governo metterebbe in crisi la stabilità dell'esecutivo. E gli scenari di un voto anticipato non sono da escludere...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • papesatan

    29 Luglio 2014 - 17:05

    non vorrei sembrare monotono:ma perchè pubblicate sempre foto di un ex cavaliere di trent'anni fà?forse sia voi che lui vi vergognate di come è ridotto? il tempo non perdona!

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    29 Luglio 2014 - 15:03

    E poi il cav si chiede perché Fi va in vacca. Se ne sta lì con bilancino e abaco a calcolare le percentuali per una possibile, patetica maggioranza messa insieme con falliti,sfruttatori, traditori e ruffiani mentre quello che fu il suo elettorato annega nelle tasse e negli immigrati. Silvio non parla,non protesta, non esiste. Ci lascia in balìa dei comunisti suoi alleati. La pagheranno tutti.

    Report

    Rispondi

  • enricorivo

    29 Luglio 2014 - 14:02

    Berlusconi pensa ai fatti suoi ! Da sempre. Purtroppo c'è qualche allocco che si fa ancora prendere in giro.

    Report

    Rispondi

  • tizi04

    29 Luglio 2014 - 14:02

    Basta con il buonismo della collaborazione. Nell'aprile del '96 dopo la vittoria del cdx, il baffino disse: non importa se una legge del cdx e` giusta o sbagliata a prescindere il compito dell’opposizione e` quella di far cadere il governo, con qualsiasi mezzo. Impariamo ! facciamo opposizione ! e mandiamo Angelino a fan….

    Report

    Rispondi

    • Chry

      30 Luglio 2014 - 00:12

      Vedi tizi04, tu hai votato e voterai per un leader di partito processato e condannato, per il fondatore del partito condannato e arrestato, per i ministri del suo governo condannati ed arrestati, per parlamentari di Falsa Italia arrestati e qualcuno latitante... credo proprio che a fanculo tu ci sia già.

      Report

      Rispondi

    • highlander5649

      29 Luglio 2014 - 18:06

      errata corrige: la vittoria del cdx era del 1994, governo caduto lo stesso anno poi vi fu una pausa con governo dini, nel 1996 vinse prodi il csx riuscì a *galleggiare* abbastanza bene peer 5 anni nonostante bertinottti l'abbia fatto cadere un paio di volte.(mi sembra) dopo prodi vi furono d'alema e giuliano amato fino alla fine non era ancora DISASTRO COME OGGI

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog