Cerca

Matrimonio rosso

Loden e martello, Monti: "Il Pd ha una storia gloriosa, e non sono comunisti", il Prof bocciato in storia

Il premier ormai "ama" Bersani. Vorrebbe quasi la tessera dei democratici e rinnega il passato del Pd. Peccato che Pier, D'Alema&co. sono comunisti convinti

Monti e Bersani

Monti e Bersani

Alla fine il loden si tinse di rosso. Mario Monti pur di fare il matrimonio con Pier Luigi Bersani non guarda in faccia nessuno. Comincia a spararle grosse. Il Pd, nato dalla fusione di Ds e Margherita, secondo il Prof non è un partito comunista. A furia di studiare economia ha forse dimenticato i libri di storia contemporanea. Nessuno infatti ha spiegato al Prof che i Ds vengono dal Pds e che il Pds è figlio del Pci. Nessuno ha spiegato al Prof che tutti i big del Pd, Massimo D'Alema, Pierluigi Bersani e tanti altri sono comunisti d.o.c. d'annata. Ma lui fa finta di nulla e afferma: "Ha torto Berlusconi a dire che c'è un pericolo comunista. Il Pd ha una storia gloriosa, dalla quale si è andato gradualmente affrancando, all’inizio ad esempio non ha appoggiato la costruzione europea". In un solo colpo Monti indossa l'abito da sposa per le nozze con Bersani e "glorifica" la storia del Pd. Un partito che ha davvero una storia lunga alle spalle: 5 anni appena. Forse Monti non vuole dirlo apertamente ma si riferisce alla "gloriosa storia" dell'ex Pci. Insomma ormai la tessera per il Prof è pronta. Banda in piazza e "bandiera rossa trionferà". Lui ormai del suo centro ha preso tutti i vizi. Quel trasformismo e quella poca aderenza ad un vero ideale che ha segnato il suo compagno Pierferdinando Casini. Anche Monti ora svende il suo centrino al sigaro rosso. Ma se quella del Pd per il Prof è una "gloriosa storia", quella sua com'è? 13 lunghi mesi di tasse. Per la sua di "gloria", il Prof ha lasciato solo lacrime e sangue.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giancgazz

    25 Gennaio 2013 - 09:09

    E' ci sono ancora italiani che li votano e ci credono povera italia!!

    Report

    Rispondi

  • ray999

    23 Gennaio 2013 - 13:01

    due veri RIDICOLI...ma dove trovate spunti positivi in questi due squallidi dipendenti pubblici??? difficile per tutti, ma molti seguono come il messia questa coppia di idioti patentati...ecco perchè l'Italia sprofonda.

    Report

    Rispondi

  • carlos22

    23 Gennaio 2013 - 11:11

    Acqua alle corde! Bresca, capitano di mare Nel 1586, Papa Sisto V incaricò l'architetto Domenico Fontana di innalzare in Piazza San Pietro il gigantesco obelisco (25 metri d'altezza per 350 tonnellate di peso!), che tutt'ora si trova al centro della grande piazza di Roma. La difficoltà e la delicatezza dell'operazione ? per la quale pare furono necessari circa 800 uomini e un centinaio di cavalli ? spinsero Sisto V ad emanare un editto col quale imponeva, pena la morte, il massimo silenzio durante lo svolgimento dei lavori. Quando l'obelisco fu sollevato ad una certa altezza, si videro le funi allungarsi pericolosamente col rischio di cedere da un momento all'altro. Proprio nel momento di massima tensione, un uomo presente tra la folla, incurante dell'imposizione del papa al silenzio, urlò: "Acqua alle corde!". Il consiglio fu subito seguito, le funi furono bagnate e l'obelisco poté essere innalzato senza problemi. L'autore dell'incitazione era di un marinaio sanremese di nome Bresca

    Report

    Rispondi

  • carlos22

    23 Gennaio 2013 - 10:10

    Acqua alle corde! Bresca, capitano di mare Nel 1586, Papa Sisto V incaricò l'architetto Domenico Fontana di innalzare in Piazza San Pietro il gigantesco obelisco (25 metri d'altezza per 350 tonnellate di peso!), che tutt'ora si trova al centro della grande piazza di Roma. La difficoltà e la delicatezza dell'operazione ? per la quale pare furono necessari circa 800 uomini e un centinaio di cavalli ? spinsero Sisto V ad emanare un editto col quale imponeva, pena la morte, il massimo silenzio durante lo svolgimento dei lavori. Quando l'obelisco fu sollevato ad una certa altezza, si videro le funi allungarsi pericolosamente col rischio di cedere da un momento all'altro. Proprio nel momento di massima tensione, un uomo presente tra la folla, incurante dell'imposizione del papa al silenzio, urlò: "Acqua alle corde!". Il consiglio fu subito seguito, le funi furono bagnate e l'obelisco poté essere innalzato senza problemi. L'autore dell'incitazione era di un marinaio sanremese di nome Bresca

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog