Cerca

Guerra in Medio Oriente

Gaza, Renzi chiede il cessate il fuoco, Netanyahu si appella agli Usa

Gaza, Renzi  chiede il cessate il fuoco, Netanyahu  si appella agli Usa

Non cessano gli scontri nella striscia di Gaza. Almeno 35 palestinesi sono stati uccisi in seguito a un bombardamento di ieri 1 agosto. Hamas sostiene di non avere contatti con le cellule che operavano nella zona in cui sarebbe stato rapito dai militanti islamici un soldato israeliano, Hadar Goldin. Mentre il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu chiede sostegno agli Stati Uniti, Matteo Renzi, in visita al Cairo oggi 2 agosto, si è unito agli appelli per il cessate il fuoco e si è detto a favore della proposta di egiziana per la fine dei conflitti.

L'appello di Renzi - "Faccio mio l’appello di altri colleghi per l’immediato rilascio del soldato israeliano rapito" ha dichiarato il primo ministro italiano durante l’incontro con il presidente egiziano Al-Sisi. Renzi ha aggiunto che:"L’Italia appoggia la proposta egiziana per la risoluzione della crisi a Gaza" e che questa "E' l’unica possibilità per uscire dalla crisi". Da parte sua il Presidente egiziano ha invece sottolineato: "I fatti di Gaza si ripetono periodicamente: 2008, 2012 e oggi nel 2014. Bisogna dare uno Stato e una speranza ai palestinesi". AL Sisi ha inoltre sottolineato che la proposta egiziana su Gaza vuole trasformare questo "momento nefasto" in una "occasione" per costruire un negoziato che possa dare "speranza ai palestinesi e sicurezza a Israele". L'egitto sostiene che la propria iniziativa sia ancora in grado di risolvere la crisi. Il piano egiziano si articola in due tappe. La prima riguarda la cessazione delle ostilità da entrambe le parti, la seconda prevede negoziati su vari temi come la riapertura dei valichi della Striscia e il rilascio dei prigionieri palestinesi da parte di Israele. Alla fine della conferenza stampa Renzi e Al Sisi hanno lanciato un appello comune per il cessate il fuoco. Matteo Renzi ha speso parole anche per la situazione in Libia, dove da giorni imperversa una guerra civile tra le forze armate di Zintan e Misurata. Il presidente del Consiglio ha affermato che:"L'Italia avverte il rischio dell'instabilità" in Libia, e concorda con l'Egitto circa la necessità di una lotta contro il terrorismo, inoltre "Il 96% dell'immigrazione clandestina arriva dalla Libia e la soluzione del problema passa per una soluzione della questione libica" e ha concluso " E' fondamentale che le Nazioni Unite inviino rapidamente un inviato speciale e penso sia giusto che l'Italia ponga il problema della Libia al prossimo vertice Nato del 3 e 4 settembre".

La richiesta di Israele agli Usa - Le Forze di Difesa israeliane fanno sapere di essere molto vicine a completare l’opera di distruzione dei tunnel utilizzati dai miliziani palestinesi nella Striscia di Gaza. La previsione indicativa è di poter annunciare entro i prossimi due giorni la neutralizzazione
di  tutte le gallerie sotterranee, usate come depositi di armi ma anche come basi da cui lanciare attacchi. Intanto, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, secondo quanto riferito da fonti anonime al quotidiano Haaretz, in una conversazione telefonica con l’ambasciatore statunitense in Israele, avrebbe affermato che l’amministrazione degli Stati Uniti dovrebbe fidarsi del giudizio di Tel Aviv riguardo il trattamento da riservarealla fazione palestinese di Hamas. Il premier israeliano, inoltre, avrebbe aggiunto che ora si aspetta che gli Stati Uniti e la comunità
internazionale sostengano pienamente l’offensiva israeliana a Gaza.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    02 Agosto 2014 - 16:04

    Toh! xchè questo governo ha anche un indirizzo di politica estera? Nn se ne era accorto nessuno. Comunque, meglio tardi che mai. Allora però, xchè renzi non spende queste sue energie in qualcosa di utile, come x es. riportare a casa i marò, invece di sputare sentenze su argomenti che nn lo riguardano? Oppure qualcuno pensa che Stati Uniti e Gran Bretagna aspettino con trepidazione i nostri pareri?

    Report

    Rispondi

  • encol

    02 Agosto 2014 - 15:03

    Oddio ! Adesso su butta nella politica estera? Basta attendere ed avremo la nuova bischerata però Internazionale.

    Report

    Rispondi

blog