Cerca

Su Repubblica

Scalfari seppellisce Renzi: meglio farci governare dalla Merkel

Gli 80 euro sono un fallimento, le riforme inutili

Scalfari seppellisce Renzi: meglio farci governare dalla Merkel

Non ci resta che la Troika. Sono passati solo un paio di mesi da quando, in occasione delle elezioni europee del 25 maggio scorso, nel suo consueto editoriale su "Repubblica", invitava gli italiani a votare per Renzi e Schulz. Ma pare passato un decennio, a leggere quanto il padre fondatore ha scritto oggi sul suo quotidiano. Al punto, Scalfari (che come al solito è a dir poco prolisso) ci arriva in fondo al pezzo: “Dirò un’amara verità che però corrisponde a mio parere ad una realtà che è sotto gli occhi di tutti: forse l’Italia dovrebbe sottoporsi al controllo della Troika internazionale formata dalla Commissione di Bruxelles, dalla Bce e dal Fondo monetario internazionale“. Certo, l’Italia non farebbe questa gran figura. Ma secondo il fondatore di "Repubblica", in certi casi serve mettere da parte l’orgoglio: “Capisco che dal punto di vista del prestigio politico sottoporsi al controllo diretto della troika sarebbe uno scacco di rilevanti proporzioni, ma a volte la necessità impone di trascurare la vanagloria e questo è per l’appunto uno di quei casi”.

A questa conclusione, Scalfari arriva dopo aver constatato che che tutti gli indicatori dicono che “l’economia non va affatto bene” e d’altra parte “l’hanno dichiarato esplicitamente il ministro Pier Carlo Padoan e anche Renzi”. Poi c'è l’esclusione dei poveri dal bonus degli 80 euro che “conferma le difficoltà finanziarie che sono il vero problema del governo. Oltrettutto, il bonus doveva servire a rilanciare i consumi e quindi ravvivare la domanda. "Invece non è accaduto nulla, i consumi sono fermi e in certi settori sono addirittura in diminuzione. L’operazione ottanta euro è dunque fallita (come avevamo previsto quando fu annunciata) e rivela ora la vera ragione per la quale fu fatta: suscitare simpatia elettorale a favore del Partito democratico renziano”.

Quanto alle riforme istituzionali Scalfari fa notare come “la gente è indifferente, della riforma del Senato e della legge elettorale non gliene importa niente come del resto non importa niente neppure all’Europa. È un gioco tutto italiano, e il circuito mediatico lo moltiplica. Ci si accapiglia sul nulla, ma dietro a quel nulla ci sono progetti di potere coltivati con grande abilità”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • umberto2312

    04 Agosto 2014 - 11:11

    Finalmente Scalfari ne ha detta una giusta: molto meglio la Merkel! Ma non del solo Renzi, di tutti i capponi del nostro pollaio.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    04 Agosto 2014 - 10:10

    Qualcuno svegli il vegliardo e gli spieghi che la Merkel GIA' governa questo paese!

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    04 Agosto 2014 - 08:08

    questi sono i burocrati statali che non vogliono NESSUN cambiamento. La voce dei burocrati passa ora per i comunisti di primo piano. Tutto purche' non si cambi niente. Ma che ci hanno preso per scemi? lo sanno anche i gatti che i burocrati statali avrebbero fatto qualsiasi cosa pur di bloccare le riforme, come hanno sempre fatto.

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    04 Agosto 2014 - 07:07

    Una persona quando invecchia, è anche sinonimo di saggezza e pacatezza e buone esperienze da trasmettere ai giovani. Ma quando uno arriva ad una certa età senza saggezza senza pacatezza e buone esperienze da trasmettere è meglio che tiri le cuoia, non ha assolutamente niente da offrire alla società, e diventa un essere inutile. Questo è quello che sta dimostrando quotidianamente barba qua qua

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog