Cerca

Al centro della strada

Il ministro Riccardi è poco "civico":
Auto blu in sosta vietata per 2 ore,
era a fare campagna per il Prof

Una "scelta" non proprio civica quella del ministro. A Genova fa una conferenza per la lista Monti e lascia la sua auto in mezzo alla strada tra le corsie degli autobus

Il ministro Riccardi è poco "civico":
Auto blu in sosta vietata per 2 ore,
era a fare campagna per il Prof

Non è proprio un ministro politico, ma di casta se ne intende. Andrea Riccardi ministro per la cooperazione internazionale è impegnato a fare campagna elettorale per il suo "centrino" e per il Prof. Però si scorda la macchina in sosta vietata. Durante un comizio elettorale a Genova in via XX settembre, il ministro ha parcheggiato la sua auto blu letteralmente in mezzo alla strada, tra le due corsie riservate agli autobus. Ad accorgersene un cronista de il "Secolo XIX" che ha realizzato un video che testimonia la sosta vietata della "Riccardi-car". Lui dentro a parlare di "Scelta civica per l'Italia", e fuori la solita storia. Il Paese dei furbi che di civico ha ben poco. 

 

 

Guarda il video della sosta vietata dell'auto del ministro Riccardi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Uchianghier

    Uchianghier

    19 Aprile 2013 - 13:01

    Ho la sensazione che sia la stessa prepotenza dei mafiosi e dei politici.

    Report

    Rispondi

  • gispo

    23 Gennaio 2013 - 12:12

    e lo stato(noi)lo sovvenziona anche questo giornale. Ci vuole la rivoluzione per fare piazza pulita, altrimenti non si sa neanche da dove iniziare.

    Report

    Rispondi

  • herbavoliox

    23 Gennaio 2013 - 12:12

    ... i soliti sbruffoni di casa nostra. Il signor Cameron va al lavoro in bicicletta, il signor Riccardi può benissimo prendersi l'autobus invece di occuparne il transito. La classe non è acqua.

    Report

    Rispondi

  • boris49

    23 Gennaio 2013 - 11:11

    Come previsto. Ecco il commento del primo cerebroleso del PdL

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog