Cerca

Le riforme

Senato: via i senatori a vita e le indennità ma resta l'immunità

Senato: via i senatori a vita e le indennità ma resta l'immunità

E’ sempre duro lo scontro a Palazzo Madama per l’esame del ddl riforme. “Il Movimento 5 Stelle conferma che questa legge porcata di riforma non merita la nostra presenza e partecipazione in Aula”: lo afferma il capogruppo grillino al Senato, Vito Petrocelli, quando l’Aula di palazzo Madama riprende l’esame del ddl riforme. Il Movimento 5 Stelle prosegue quindi con l’Aventino.



Gli articoli - Dopo l’approvazione dell’articolo 3, in pochi minuti l’Aula del Senato ha approvato in tempi record anche l’articolo 4 del ddl riforme e si è passati all’esame dell’articolo 5. L’articolo 3 prevede che il Presidente della Repubblica potrà nominare 5 senatori scegliendo tra «i cittadini che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario. Tali senatori durano in carica sette anni e non possono essere nuovamente nominati».Inoltre, si stabilisce la durata della Camera dei deputati che resterà in carica per 5 anni. L’Articolo 4 riguarda i titoli di ammissione dei componenti del Senato delle Autonomie. Via libera del Senato anche agli articoli 5 e 6 del ddl riforme. Il primo modifica l’articolo 63 della Costituzione prevedendo che "il regolamento stabilisce in quali casi l’elezione o la nomina alle cariche negli organi del Senato della Repubblica possono essere limitate in ragione dell’esercizio di funzioni di governo regionali e locali". L’articolo 6 del ddl modifica invece l’articolo 63 della Costituzione, coordinando le previsioni sul regolamento della Camera con la struttura del nuovo bicameralismo e prevedendo che i regolamenti di entrambi i rami del Parlamento debbano garantire «i diritti delle minoranze parlamentari». 

Indennità - L'Aula ha approvato anche l'articolo 9: quello che abolisce l'indennità per i senatori. L’articolo 9 del ddl, infatti, modifica l’articolo 69 della Costituzione, che nella nuova formulazione prevede che l’indennità «stabilita dalla legge» spetti ai componenti della sola Camera dei deputati.

Immunità - I nuovi senatori godranno dell’immunità parlamentare e, quindi, non avranno un trattamento diverso rispetto ai colleghi deputati. Con il voto dell’Aula del Senato, che ha bocciato gli emendamenti aggiuntivi all’articolo 8 del ddl, che miravano a modificare l’articolo 68 della Costituzione, il testo delle riforme resta quello licenziato dalla commissione che prevede che i senatori godano delle stesse guarentige dei deputati. I due contraentì del patto del Nazareno sulle riforme, Pd e Forza Italia, si sono detti a favore della permanenza delle guarentigie anche per i nuovi futuri senatori. In sostanza, Pd e Forza Italia sostengono che i futuri senatori dovranno godere dell’immunità e, quindi, non devono avere un trattamento diverso rispetto ai colleghi deputati, anche se non saranno più eletti in maniera diretta. Nel dibattito che si è svolto al Senato sugli articoli aggiuntivi all’8 del ddl riforme, quelli appunti relativi all’immunità, il senatore azzurro Donato Bruno ha spiegato chiaramente che "Forza Italia voterà a favore del provvedimento così come uscito dalla commissione», quindi con l’immunità. Anche il apogruppo Pd, Luigi Zanda, ha chiarito: "anch’io sarei per il testo uscito dalla commissione". A favore anche Pier Ferdinando Casini (Udc), l’Ncd con Gaetano Quagliariello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cell43

    09 Agosto 2014 - 09:09

    Italiani strano popolo mai contenti di niente,vero giggino.

    Report

    Rispondi

  • giggino1977

    05 Agosto 2014 - 11:11

    Maledico i miei 20 anni di militanza forza italia pdl

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    05 Agosto 2014 - 10:10

    Peccato che questa immunità non abbia riguardato il Senatore Berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    05 Agosto 2014 - 09:09

    Porcata utile alla casta. Utile ai segretari di partito che divengono onnipotenti. Utile a chi vuol far eleggere un Presidente della Repubblica "amico". Utile a chi potrà cumulare più incarichi. Nessuna utilità per il paese e per i cittadini. Se una cosa non serve la butti. Se un'istituzione non funziona la abroghi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog