Cerca

Il vertice

Berlusconi e l'incontro con Renzi: ecco cosa gli dirà

Berlusconi e l'incontro con Renzi: ecco cosa gli dirà

Silvio Berlusconi appare più fiducioso ora che il cammino delle riforme sta proseguendo. E sembra nopn avere più dubbi sul suo futuro: "Sarò ancora una volta candidabile, sarà la Corte di Strasburgo a darmi giustizia". Lo ha ripetuto ai suoi legali i ai sui figli, per lui l'importante è che Renzi aiuti a riabilitarmi attraverso le rifome. Ci vuole tempo. Ed è per questo che Berlusconi non ha alcuna fretta, certamente non preme per il voto in autunno e neanche per quello nella primavera del 2015. Intanto proseguono i contatti per l'incontro con Renzi che dovrebbe tenersi oggi martedì 5 agosto o nei prossimi giorni.  Il Cav garantirà al premier un appoggio totale sui prossimi passaggi parlamentari della riforma del Senato e sulle modifiche all'Italicum.

L'incontro -In realtà il Cav e Renzi si siedono al tavolo con l'accordo sulla legge elettorale già già pronta. Le modifiche alla nuova legge elettorale approvata dalla Camera hanno già il gradimento del Cav, che la scorsa settimana ha lavorato a distanza: un sistema misto di capilista bloccati e preferenze determinerà la composizione della futura Camera. Mentre scende al 4% la soglia di sbarramento che i partiti più piccoli dovranno superare per partecipare alla distribuzione dei seggi. Quanto al premio di maggioranza se lo aggiudicherà chi supera quota 40. Se non la raggiunge nessuno, si va al ballottaggio. Berlusconi è soddisfatto della legittimazione avuta da Palazzo Chigi negli ultimi giorni. L'unico timore di Berlusconi è che a settembre, Renzi, inchiodato dai dati economici accantoni il cammino delle riforme per dedicarsi ai temi economici e alla quadratura dei conti pubblici. Berlusconi ha ribadito la sua posizione ai suoi su questo punto: "Nessun ingresso in maggioranza o al governo, Forza Italia rimane opposizione. Ma sarà un'opposizione responsabile". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ENYATZ

    05 Agosto 2014 - 20:08

    Totalmente d'accordo con blues188...

    Report

    Rispondi

  • stefanosulas

    05 Agosto 2014 - 18:06

    Secondo qualcuno, il berlusca, col 15%, sarebbe indispensabile a Renzi,, col 40%... Secondo qualcuno, il berlusca sarà candidabile anche dopo morto. Secondo qualcuno, il berlusca è diventato ricco onestamente. Secondo qualcuno, il berlusca è sceso in politica per salvarci dai comunisti. Secondo qualcuno, le cosiddette riforme in questione, sono utili al popolo e non ad interessi personali.

    Report

    Rispondi

  • stefanosulas

    05 Agosto 2014 - 18:06

    L'unica riforma che interessa all'unico titolare del 15% dei votanti è quella che riguarda l'amnistia e l'indulto e poi, che Forza italia e il paese intero vada a farsi fottere. Sinistra e destra, chiamamole così,sono solo complici e insieme colpevoli di questa situazione vergognosa. Il M5S è l'unico movimento che pensa agli interessi di questa fattoria, per questo non scenderà a patti coi maiali.

    Report

    Rispondi

    • dodo1861int

      05 Agosto 2014 - 20:08

      offendi i maiali? Vergognati ,animali nobilissimi

      Report

      Rispondi

  • ro.bergamaschi

    05 Agosto 2014 - 17:05

    Che la corte di Strasburgo gli da ragione fa comunque male a ricandidarsi, deve stare dietro le quinte per organizzare il partito, se vuole e preparare le leggi,come l'elezione del capo della Stato da parte dei cittadini,e il capo dello Stato non possa eleggere di sua volontà più di un Presidente del Consiglio,troppi danni anno fatto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog