Cerca

Il vertice

Riforme, incontro Renzi-Berlusconi: ecco cosa si sono detti

Riforme, incontro Renzi-Berlusconi: ecco cosa si sono detti

Poco meno di tre ore. Tanto è durato l'incontro a palazzo Chigi tra il premier Matteo Renzi e il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi. Un faccia a faccia fissato alle 8 per puntellare il Patto del Nazareno sulle riforme e soprattutto per ridiscutere la legge elettorale, con la possibilità di apportare alcune modifiche al testo dell'Italicum approvato alla Camera.

L'incontro - All'incontro erano presenti anche Gianni Letta e Denis Verdini, con Berlusconi e poi, Lorenzo Guerini e il sottosegretario Luca Lotti con Renzi. L'ex premier ha lasciato le sede del governo senza rilasciare dichiarazioni, mantre Guerini ha dichiarato che nell'incontro "si è stabilita la possibilità di modifiche che saranno oggetto di un ampio confronto" sulle soglie di accesso mentre "sulle preferenze andrei cauto". In sostanza ''è stato un incontro positivo. È stato confermato il cammino delle riforme. Sulla legge elettorale continuiamo entro l'impianto stabilito'' ed eventuali modifiche saranno oggetto di un ''ampio coinvolgimento''.

Cosa cambia - Sul fronte della legge elettorale le novità sono soprattutto sui capilista: saranno bloccati e preferenze per chi segue. Sul nodo soglie lo sbarramento dovrebbe scendere al 4% e il premio di maggioranza dovrebbe andare solo a chi supera il 40% al primo turno. Il tutto per venire incontro alle richieste di Sel e dei "piccoli" della sua maggioranza. Renzi spera nell'asse con l'ex Cavaliere. Ma non è detto che Silvio Berlusconi voglia accogliere tutto il pacchetto di cambiamenti. Non subito, almeno. Matteo Renzi, però, sembra ottimista soprattutto perché al Senato la riforma costituzionale sembra avviata verso una veloce approvazione in prima lettura nella seduta di giovedì. E si vocifera che il premier potrebbe intervenire Aula prima del via libera definitivo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • er sola

    06 Agosto 2014 - 17:05

    Se abbassate le soglie permetterete ai partitini di continuare a rompere i coglioni. Portatele al 12% e fate sparire quella ciurma di gente inutile.

    Report

    Rispondi

  • peppefreddi

    06 Agosto 2014 - 16:04

    L'Italia è fritta. Un grazie di cuore a Napolitano, Monti, Letta, Renzi e Berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • opoppo

    06 Agosto 2014 - 16:04

    Altro che abolizione del Senato e legge elettorale! DITTATURA

    Report

    Rispondi

  • tingen

    06 Agosto 2014 - 12:12

    Per evitare l'ingovernabilità le soglie non devono abbassate, ma devono essere alzate al 5%, c'è da auspicare che Renzi e Berlusconi non cedano sulle soglie.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog