Cerca

Maria Elena frettolosa

Ddl Boschi, ecco come cambia il Senato. Via il ping pong, ma manca il limite anagrafico: senatori anche a 18 anni

Ddl Boschi, ecco come cambia il Senato. Via il ping pong, ma manca il limite anagrafico: senatori anche a 18 anni

La riforma del Senato ha ottenuto la prima approvazione. A Palazzo Madama, dopo oltre tre mesi di lavoro in commissione Affari costituzionali e un mese in assemblea tra veleni e polemiche, il ddl Boschi che supera il bicameralismo perfetto è passato con 183 voti a favore, nessun contrario e 4 astenuti (tra cui la senatrice a vita Elena Cattaneo e il relatore Roberto Calderoli). Le opposizioni non hanno partecipato al voto, alcuni come Lega e Gal lasciando l'aula, mentre diversi senatori (anche dissidenti rispetto ai propri gruppi) sono rimasti ma astenendosi dal voto. Nel corposo testo della riforma c'è però un risvolto inatteso. In Senato a 18 anni? Da oggi si può. Nel ddl Boschi manca infatti ogni limite anagrafico per i futuri senatori: più che una svolta, pare una dimenticanza. Anzi, una gaffe clamorosa. 


Il pasticcio: senatori con le braghe corte - Nel testo della riforma del Senato infatti non sono contemplati i limiti in vigore sia per l'elettorato attivo (si può votare a partire dai 25 anni) sia per quello passivo (si può essere eletti a partire da 40 anni compiuti). Il motivo è semplice: la norma era stabilita nell'articolo 58 che verrà eliminato del tutto. "Serviva più tempo per approfondire la questione e invece hanno voluto accelerare", ha spiegato a La Stampa il senatore dei 5 Stelle Stefano Battista, che è entrato a Palazzo Madama quando aveva superato i 40 da un mese e che è il senatore più giovane di questa legislatura. Dunque, passata la riforma, al Senato siederanno consiglieri regionali e sindaci che possono, loro sì, essere eletti non appena maggiorenni. Il pasticcio di questi giorni di bagarre ha fatto dimenticare ai senatori di tarare la norma anagrafica con quella della Camera, dove rimane invece il limite dei 25 anni. Un paradosso che molti, soprattutto tra i grillini vorrebbero "riequilibrare" abbassando la soglia anche a Montecitorio. 

Addio ping pong - Per il resto, il Senato che verrà è già delineato. Sarà composto da 100 senatori: 95, come detto, saranno consiglieri regionali, mentre 5 verranno scelti dal presidente della Repubblica. La Camera Alta (ex?) non dovrà più votare la fiducia al governo ma avrà il compito di votare le leggi regionali, alcuni provvedimenti di garanzia, il capo dello Stato insieme alla Camera e alcuni giudici costituzionali. Soprattutto, il ddl Boschi segna la fine del cosiddetto "ping pong", il rimpallo di una legge tra Camera e Senato per la doppia approvazione. Palazzo Madama conserverà infatti la facoltà di proporre modifiche (su richiesta di un terzo dei senatori) ma gli emendamenti dovranno essere votati entro 30 giorni, per evitare l'effetto-palude. Sulla legge di bilancio, i tempi di intervento per i senatori sono ancora più limitati: 15 giorni. Come nel caso precedente, sarà la Camera ad esprimersi in maniera definitiva, anche negativa. 

Taglio agli stipendi - Sul fronte stipendi e indennità, verranno aboliti da subito i contributi ai gruppi consiliari e i consiglieri regionali non potranno guadagnare di più del sindaco del capoluogo di Regione. Oggi un Senatore senza cariche particolari arriva a percepire 14mila euro al mese: tagliando questi emolumenti, il governo risparmierà 50 milioni di euro l'anno. 

Novità per i referendum - In attesa del referendum propositivo di indirizzo (per averlo servirà una legge costituzionale con doppia lettura di Camera e Senato, quindi con tempi lunghi), la riforma introduce un doppio quorum per i referendum abrogativi: con 500mila firme servirà la metà più uno dei votanti aventi diritto per farlo passare, mentre con 800mila firme basterà la maggioranza dei votanti alle ultime politiche. Per le leggi popolari serviranno invece 150mila firme, il triplo dello "sbarramento" attuale. In cambio, però, il Parlamento dovrà procedere con l'esame della proposta di legge in "tempi certi". 

Province, Cnel e Quirinale - Il ddl Boschi sancisce anche la cancellazione delle province e del Cnel. Cambiano, infine, anche le regole per l'elezione del presidente della Repubblica. Il quorum dei due terzi sarà necessario per le prime quattro votazioni (oggi vale per i primi tre scrutini), quindi i tre quinti nei successivi quattro voti e maggioranza semplice al nono scrutinio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Armageddon1

    09 Agosto 2014 - 19:07

    Eliminire completamente il senato e ridurre di 1/3 Montecitorio. Tutto il resto è cacca.

    Report

    Rispondi

  • gattopardo46

    09 Agosto 2014 - 18:06

    In altri tempi i cittadini avrebbero cacciato via a pedate questa banda di incompetenti e superpagati dalle stanze del potere

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    09 Agosto 2014 - 12:12

    Oltre al merito della riforma del Senato, che non condivido nel modo più assoluto (una nuova casta di "nominati", come non fossero bastati tutti gli esempi dei disastri che sono seguiti a pratiche dello stesso tipo, che hanno soppiantato il metodo elettivo), come è stato possibile che nessuno si sia accorto che mancava il vincolo dell'età minima richiesta? Siamo in mano a degli imbecilli? Sì

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    09 Agosto 2014 - 00:12

    Per quel che vale, concordo pienamente con i lettori che mi hanno preceduto: una vera porcata

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog