Cerca

Operazione Palazzo Madama

Forza Italia, il piano di Silvio Berlusconi per incastrare Matteo Renzi: "Dobbiamo prendere i senatori di Alfano"

Forza Italia, il piano di Silvio Berlusconi per incastrare Matteo Renzi: "Dobbiamo prendere i senatori di Alfano"

Il piano di Silvio Berlusconi è chiaro: "rubare" senatori ad Angelino Alfano e Ncd e mettere Matteo Renzi con le spalle al muro. L'obiettivo del leader di Forza Italia è far diventare, cioè, gli azzurri "essenziali" per la sopravvivenza stessa del governo. Altro che appoggio esterno e responsabile, come nel caso delle riforme: il Cav vuole poter decidere della vita e della morte di questo esecutivo, mettere le mani sulla spina e, se possibile, decidere se e quando staccarla.

I numeri a Palazzo Madama - Progetto ardito, perché, come sottolinea Repubblica, per ora nel Nuovo centrodestra non sembrano in molti ad essere smaniosi di "tornare a casa". I senatori di Ncd sono 32, ma Alfano conta di arrivare a quota 50 accorpando i moderati in un nuovo gruppo parlamentare, che diventerebbe così il secondo più numeroso di Palazzo Madama (i grillini sono 40). A proposito delle mire berlusconiane, il coordinatore alfaniano Gaetano Quagliariello è sprezzante: "Nel nostro gruppo non si muove nulla, rispetto agli attuali 32 potremmo anche crescere ma non è quello che ci interessa. Se Berlusconi pensa di risolvere così i suoi problemi, vuol dire è rimasto all'età dei responsabili". 

La sicurezza di Verdini - Il problema del Cav è che servono almeno 10 senatori di Ncd per rendere il gruppo di Forza Italia fondamentale per il premier Renzi. Che a sua volta, finora, non ha dato particolari segnali di apertura a un allargamento della maggioranza. Al contrario, ha continuato a ribadire che lui, con Berlusconi, non vuole governare. A quanto riferisce Repubblica, però, Berlusconi è ottimista. Da un lato proverà l'opera di convincimento sugli ex compagni di partito: "Dobbiamo prosciugare il gruppo di Alfano al Senato. Verdini mi dice che è possibile, sono spaccati al loro interno, è l'unico modo per mettere Renzi di fronte al fatto compiuto e costringerlo a collaborare".

I punti di intesa con Renzi - Dall'altro, appunto, trovare i punti su cui collaborare con il governo. Chiuso (quasi) il capitolo delle riforme istituzionali, bisogna incedere sulla carne viva di fisco ed economia. Renato Brunetta ha invocato "riforme choc", chiedendo a Renzi di "fare propria l'agenda Berlusconi", mentre il consigliere politico ed eurodeputato azzurro Giovanni Toti ha ricordato la necessità di pensare "a famiglie e imprese allo stremo". L'intesa, difficile, tra Berlusconi e Renzi alla ripresa dell'attività politica potrebbe dunque arrivare su parole chiave come "fisco leggero" e "tagli alla spesa". Sulla riduzione dell'Irap il premier ha dato la sua parola, su quella della pressione fiscale è stato molto più cauto, visti i numeri drammatici sul Pil piovutigli addosso dall'Istat. E poi ci sono le ipotesi di delega fiscale, flat tax (aliquota unica con deduzioni diverse in base alle capacità del contribuente) e riforma del mercato del lavoro. Alfano ha promesso l'abolizione dell'articolo 18 per i neo-assunti, il ministro Marianna Madia ha replicato che non è nemmeno il caso di parlarne (e dividersi) perché sarebbe una misura più impopolare che utile. Non un buon punto di partenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • natalinogiarrocco

    11 Agosto 2014 - 17:05

    Ricordo che tutti i senatori del ncd sono stati eletti con il nome di SILVIO BERLUSCONI e personalmente lo lascerei bollire da soli

    Report

    Rispondi

  • maria.pusateri2012

    11 Agosto 2014 - 10:10

    tanto ormai è un esperto di compravendita dei senatori, no??? ha subito pure un processo per lo stesso...."peccatuccio"!

    Report

    Rispondi

  • vival

    11 Agosto 2014 - 09:09

    "Il piano di Silvio Berlusconi è chiaro: "rubare" senatori " Più chiaro di così!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

    • bruscoloni

      bruscoloni

      11 Agosto 2014 - 11:11

      Il piano del catramato e' rubare. Punto

      Report

      Rispondi

  • vival

    11 Agosto 2014 - 09:09

    "Il piano di Silvio Berlusconi è chiaro: "rubare" senatori " Più chiaro di così!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog