Cerca

L'incontro segreto

Matteo Renzi vede Mario Draghi: "Patto per le riforme". Altro che pace, su deficit e tempi restano i dubbi

Matteo Renzi vede Mario Draghi: "Patto per le riforme". Altro che pace, su deficit e tempi restano i dubbi

L'incontro tra Matteo Renzi e Mario Draghi porta con sé un mistero. Il premier ha deciso di andare a fare visita al presidente Bce nella sua villa nella campagna umbra atterrando in elicottero (se avesse voluto segretezza assoluta, magari sarebbe convenuta un'altra scelta) calpestando in qualche modo l'etichetta politica: due altissime istituzioni, anche se in vacanza, dovrebbero sempre preferire sedi istituzionali per incontri così delicati. Ma si sa, il premier italiano è un tipo informale. Però evidentemente ci tiene a far sapere che a Città della Pieve, "davanti a una tazzina di caffè" è andata in scena la "pace" dopo il gelo delle stoccate incrociate di qualche giorno fa. Prima Draghi a ricordare che servono le riforme altrimenti l'Italia affonda, quindi Renzi a ribattere, a più riprese, che è lui a dare gli ordini all'Europa, e non viceversa. Insomma, serviva un gesto distensivo. E il faccia a faccia con Draghi, abbinato alla cena con Giorgio Napolitano a Castel Porziano, va proprio in questa direzione. Che poi quel gesto distensivo abbia funzionato, è tutt'altro discorso.

"Il patto sulle riforme" - Il premier è uscito dal colloquio con Draghi di due ore e mezzo fondamentalmente con gli stessi dubbi della vigilia. Il "patto sulle riforme" è al solito aria fritta, stile "bisogna fare in fretta" e "sconfiggere i gufi". Nello specifico, è lo stesso staff della Bce a chiarirlo, "non è stata definita alcuna agenda economica per l'Italia". Si è discusso, semmai, di dove deve andare l'Europa. Draghi vuole per l'Ue più poteri sulle riforme strutturali dei singoli Paesi membri. Di fatto, l'esatto opposto di quanto detto dal premier italiano che però secondo Repubblica sarebbe disposto a fare sponda, non si sa per quale motivo se non, forse, perché si tratterebbe dell'unico modo per salvare la pelle, coprendosi le spalle con il sostegno di Draghi e Napolitano. Accettando i loro diktat, naturalmente.

Ecofin e Consiglio, l'agenda di Renzi - Il guaio è che Matteo vuole correre, e i prossimi sei mesi di presidenza italiana dell'Unione, saranno la sua occasione d'oro. Il prossimo 13 settembre a Milano andrà in scena l'Ecofin, presieduto dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. A dicembre ci sarà invece l'ultimo Consiglio europeo con Renzi presidente di turno. Obiettivo delle prossime settimane: convincere i partner europei, anche i più restii (Germania e paesi nordici in testa) a concedere più flessibilità (magari i dati sul Pil in calo ovunque nell'Eurozona convinceranno anche i più ferventi rigoristi). Renzi e Padoan chiederanno "incentivi" come "più tempo per l'abbattimento del debito" e più libertà di manovra senza la scure delle sanzioni. Ma soprattutto, Palazzo Chigi mira a ottenere un successo politico: l'agenda economica dell'Ue devono scriverla i singoli governi nazionali, non i burocrati di Bruxelles. Su cosa abbia risposto Draghi, naturalmente, silenzio. Il sospetto è che al di là delle scuse per i toni bruschi, non bastino sorrisi, battute e un caffè zuccherato per rivoluzionare l'Eurozona. 

di Claudio Brigliadori
@piadinamilanese

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • irucangy

    01 Settembre 2014 - 07:07

    Mi sembra di vivere in un mondo di pazzi. Ma vi rendete conto di cosa stiamo discutendo? Dobbiamo andare a pietire flessibilità, piu' tempo e fregnacce di questo genere quando basta uscire dall'euro e mandarli a quel paese tutti, riprendendoci le chiavi di casa e fare i nostri interessi. Ma per i piddini fare gli interessi dell'italia non e' mai stato un obiettivo.

    Report

    Rispondi

  • gliri03

    31 Agosto 2014 - 21:09

    Se le riforme di Renzi -il- Magnifico sono queste,proponiamo a Marchionne di prendere in mano l'Italia: FIAT ITALIA!!!!!! dovil 68

    Report

    Rispondi

  • gian65

    18 Agosto 2014 - 09:09

    draghi lo ha ascoltato cosi per spasso. draghi , chiamato mr Britannia( informarsi perche') ubbidisce ai poteri forti di cui aspen- bilderberg sono alcuni dei rappresentanti. figurati cosa se ne frega di un pir..a come renzi.

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    16 Agosto 2014 - 03:03

    Renzi è un piazzista parolaio che può convincere qualche massaia a credergli ma solo la prima volta! Draghi fa parte del circolo Bilderberg, non credo proprio che gli darà minimamente retta, né a Renzi né agli interessi dell'Italia. Dobbiamo uscire fuori subito dall'Euro e ritornare alla Lira o sprofondiamo nel nulla. Non saremo mai più padroni a casa nostra.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog