Cerca

La mossa

Giuliano Poletti: "A gennaio nuovo piano per il lavoro"

Giuliano Poletti: "A gennaio nuovo piano per il lavoro"

A gennaio arriva il “piano Poletti” per il lavoro. Il nuovo sistema dovrebbe portare sostanziali novità sul fronte lavorativo e dell'occupazione. “Questo piano vuole superare il solito braccio di ferro sull’articolo 18 che non porta a nulla, c’è bisogno di un cambiamento di passo culturale che recuperi il valore positivo dell’impresa, come infrastruttura sociale indispensabile per la crescita e la creazione di lavoro”. La prima parte del piano Poletti è stata già presentata a maggio con la riforma dei contratti a tempo determinato, l’obiettivo è quello di ridurre il ricorso ai Co. co. pro e alle false partite Iva. 

Articolo 18 - Sull’articolo 18 il ministro è chiaro: “Se avessimo voluto togliere l’articolo 18 lo avremmo fatto con il decreto col quale siamo intervenuti su contratti a termine e apprendistato. Invece noi abbiamo scelto una strategia in due tappe: il decreto appunto e il disegno di legge delega nel quale affronteremo tutti gli aspetti del mercato del lavoro, riscrivendo lo statuto, come ha detto Renzi, dagli ammortizzatori alla revisione dei contratti, compresa l’introduzione del contratto di inserimento a tutele crescenti”.

Lo statuto
 - A spiegare ulteriormente il piano del ministro del Lavoro è il sottosegretario Luigi Bobba: "Poi partirà quell'opera di riforma e semplificazione delle leggi sul lavoro, compreso lo Statuto dei lavoratori, alla quale ha recentemente accennato lo stesso Presidente del Consiglio". Una riscrittura che in molti casi potrà ricalcare la proposta di Scelta civica (primo firmatario Pietro Ichino) presentata con due distinti disegni di legge a luglio e agosto 2013 e che va sotto il nome di Codice del lavoro". 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kobra12

    18 Agosto 2014 - 10:10

    Poletti non ha la stessa sensibilità di Alfano, per il quale l'art. 18 rappresenta un blocco psicologico per gli imprenditori. Sempre secondo Alfano, con l'abolizione dell'art. 18 si creerebbero milioni di posti di lavoro, e se così non fosse, tutti quello che lo perderebbero dovrebbero farsi garantire da Alfano vitto, alloggio, mutuo, debiti.

    Report

    Rispondi

  • kobra12

    18 Agosto 2014 - 10:10

    Poletti non ha la stessa sensibilità di Alfano, per il quale l'art. 18 rappresenta un blocco psicologico per gli imprenditori. Sempre secondo Alfano, con l'abolizione dell'art. 18 si creerebbero milioni di posti di lavoro, e se così non fosse, tutti quello che lo perderebbero dovrebbero farsi garantire da Alfano vitto, alloggio, mutuo, debiti.

    Report

    Rispondi

  • flikdue

    18 Agosto 2014 - 09:09

    Cominci Renzi con tutti i suoi ministri e sottosegretari ad andare a ........... raccogliere pomodori, poi quando avranno imparato cosa significa lavorare, se ne parlerà .

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    17 Agosto 2014 - 19:07

    invece di ricorrere alla cig e cigs in deroga si dovrebbero utilizzare le ore di straordinario che di solito vengono pagate in nero. per chi lavora 9 /10 ore al giorno sabato e festivi compresi si cumulano anche 500 ore all'anno che con una maggiorazione media del 30% diventerebbero 750 ore da utilizzare in tempo di crisi senza oneri per lo stato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog