Cerca

L'oracolo del piffero

Monti a Davos: "Italia, è cambiato il clima"

Il Professore fa campagna elettorale anche a Davos. L'attacco ai partiti: "Errate le politiche precedenti. Io in campo contro i miei interessi per le riforme"

Mario Monti

Mario Monti

Al consesso di Davos, dove un anno fa si profetizzava la catastrofe imminente dell'euro, parla Mario Monti. E anche il Professore gioca a fare la Cassandra: "La crescita - ha spiegato - tornerà dalla seconda metà del 2013". Al Forum il premier ha aggiunto che "oggi l'atmosfera dell'Italia è cambiata. Non sento solo la vostra simpatia personale, ma credo che l'Italia ha riguadagnato fiducia nella stabilità. Penso che questo cambiamento sia avvenuto grazie al lavoro del governo con il Parlamento". Monti fa campagna elettorale anche da Davos, s'intesa meriti inesistenti e al solito scarica le colpe della crisi sui suoi predecessori: "Sono in campo per tutelare le vittime dei governi precedenti, troppo deboli sull'evasione e sulla corruzione. Il peso del debito - ha aggiunto - è dovuto alle errate politiche precedenti".     

Il peso del debito - Sulla congiuntura economica, il Professore ha sottolineato come "non siamo riusciti a riconoscere che la crisi aveva una componente sistemica, diventata di fiducia nelle capacità dell'Eurozona di risollevare i suoi problemi, e nella moneta unica. L'Italia - ha proseguito - stava facendo i suoi compiti in modo disperato ma con un barlume di speranza. Se non c'è fede totale nel mercato e nella moneta unica non basta che ciascuno Stato membra faccia i suoi compiti perché esiste quella componente sistemica, fattore di rischio immanente nell'euro stesso, che si riflette in modo sproporzionato su chi come l'Italia fa politiche giuste ma sopporta il peso del debito dovuto alle errate politiche precedenti". 

"Ridurrò le tasse" - Ma ora, assicura la Cassandra-Monti, "sono fiducioso sul futuro del Paese perché l'Italia oggi è un Paese molto diverso da un anno fa - ribadisce -. Siamo tra i più sostenibili nel mondo intero". Poi le promesse di dottor tasse: "L'onere di ridurre il debito - ha sottolineato - non può più essere ottenuto solo attraverso le tasse". Poi una battuta sul suo impegno diretto in politica, "una cosa che considero contro la mia natura e probabilmente anche contro il mio interesse personale", ma che il Professore intraprende "perché credo che ci sia bisogno di una nuova forma politica, oltre alle vecchie coalizioni tradizionali". Quindi l'appello "alle forze più dinamiche della società per sostenere un programma di riforme", il cui cammino "a volte ha incontrato resistenze camuffate con tradizioni culturali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mammagigi1

    23 Gennaio 2013 - 21:09

    non capisco chi si dà tanto da fare e da mentire con accenni a riforme non meglio identificate, proposte di atti di forza su un popolo già indeb olito dalle continue donazioni di sangue a favore dell'europa. io so solo che mi è pesante uscire di casa e presto lo farò con un lumino da tomba: le persone non sorridono, i negozi sembrano tombe con foto di negozianti ormai estinti, escono persone dai centri commerciali abbrutite dalla consapevolezza di aver acquistato poco o nulla. in aria , alta, campeggia l'effige del cimiteriale monti che sorride e addita all'orizzonte la rinascita...sì, con questi metodi avverrà alla fine del mondo. inglesi, voi che popete mandate a quel paese l'unione europea.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    23 Gennaio 2013 - 21:09

    non credi nemmeno tu a quello che dici, i tuoi discorsi filosofici valli a fare alla bocconi(minuscolo)perchè quelli che escono da lì se sono tutti come te è meglio chiuderla, per il nostro bene.

    Report

    Rispondi

  • encol

    23 Gennaio 2013 - 20:08

    Ci aveva abituati di lunedì con tunnel illuminati, baratri scampati, ora ci prova anche a metà settimana e la cosa preoccupa. Spero preoccupi maggiormente i famigliari perchè la faccenda si fa seria.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    23 Gennaio 2013 - 19:07

    Ne avesse azzeccata una!

    Report

    Rispondi

blog