Cerca

Volpe democristiana

Casini: Il prossimo governo non durerà tanto

La profezia del leader Udc è una minaccia: il Prof vuole tagliarlo fuori nella trattativa con Bersani e lui è pronto a vendicarsi

Pier Ferdinando Casini

Pier Ferdinando Casini

 

Vecchia volpe democristiana. Gran tessitore di intrighi politici. Sette vite, come un gatto. E' Pier Ferdinando Casini, che ha snocciolato la sua profezia. Anzi, una minaccia: "Ho l'impressione che il prossimo governo non durerà mica tanto". Certo, i sondaggi che parlano di un Senato sempre più ballerino sono benzina sul fuoco di questa ipotesi. Ma al leader Udc è sfuggita questa frase per un altro motivo: per minacciare Mario Monti. Non è infatti un mistero che il Partito Democratico, in caso di vittoria, cercherà l'alleanza con il Professore per assicurarsi un briciolo, uno scampolo di governabilità. Ma Casini, a sentirsi tagliato fuori, non ci sta. E infatti, sibillino, fa notare che "comunque non sarà semplice costituire una maggioranza ampia".

I dieci di senatore - Pierferdy vuol far notare a Monti che "ci sono anche io", e che il Professore non ha l'esclusiva della rappresentanza. Italo Bocchino, di Fli, inquadra la situazione: "E' chiaro che Bersani vuole l'accordo con il Professore, mica con Casini". E Casini infatti ha già preso le contromuisure, proprio al Senato, dove l'Udc si è assicurata dieci seggi. Un numero putacaso sufficiente a garantire la creazione di un gruppo autonomo a Palazzo Madama in caso di rottura con la lista-Monti. E Pierfurby lo ha confermato in diretta a Omnibus, durante un'interruzione pubblicitaria: "Mi attribuite solo dieci senatori? Siete così pessimisti?".

Le minacce - Per far pesare il suo "centrino", Casini è disposto a tutto. Sa che la rottura potrebbe arrivare già nelle fasi di formazione del prossimo governo, nel caso in cui il Pd debba trattare con i centristi. Tanto che ci potrebbe essere, subito, uno "sfrangiamento" dell'accozzaglia che si è coagulata attorno al Professore (tanto che, Casini, va già in giro dicendo che questo governo non durerà). Il leader Udc ha cominciato a smarcarsi da Monti, e contro il Professore, ieri, mercoledì 23 gennaio, sono arrivate tre bordate. La prima: "Senza l'Udc non avrebbe salvato l'Italia". La seconda: "Se noi e Fli abbiamo le nostre liste è perché la politica è anche buona" (sottinteso: di buono non c'è solo il Prof, che senza di noi non saprebbe come muoversi). La terza, durissima: "Se alle elezioni l'alleanza dovesse restare sotto il 15% sarebbe un risultato insoddisfacente". E dato che l'alleanza resterà sotto il 15 per cento...

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    27 Gennaio 2013 - 02:02

    Inutile continuare a lavare l'asino con il sapone...ed a sprecare l'acqua.

    Report

    Rispondi

  • pascalU4

    25 Gennaio 2013 - 09:09

    Qualcun altro ti sta cucinando Prof. Non sei così navigato come il Pierferdy. Non devi sottovalutare la capacità volpina del soggetto, ne devi tener conto, altrimenti ci caschi, come in altre coalizioni e la storia del Parlamento Italiano è pronta a recitare.

    Report

    Rispondi

  • piserik

    24 Gennaio 2013 - 18:06

    Basta! hai rotto pure tu! Ha ragione il Berluscone: votate PD o PdL.

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    24 Gennaio 2013 - 18:06

    Sia il pierdi che quell'altro non li vuole più nessuno e anche il bocconiano li sta prendendo in giro per i suoi scopi. Siccome quei due hanno bisogno di qualcuno che garantisca loro una poltrona non si sono resi conto che il leader della lista civica è un comunista al quale preme solo l'appoggio del pd.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog