Cerca

Altri guai

Silvio Berlusconi, la Consulta: "A processo per diffamazione di Antonio Di Pietro"

Antonio Di Pietro e Silvio Berlusconi

Toghe e Antonio Di Pietro: un mix da incubo, per Silvio Berlusconi, che riceve altre brutte notizie. La Consulta, infatti, spedisce il Cavaliere a un doppio processo per diffamazione nei confronti dell'ex leader dell'Idv: un procedimento in sede penale e l'altro in sede civile. La Corte Costituzionale infatti ha annullato la delibera con la quale la Camera dei deputati aveva concesso al leader di Forza Italia lo scudo dell'insindacabilità di giudizio, previsto dall'articolo 68 della Costituzione.

Le frasi incriminate - Nel mirino, in particolare, le dichiarazioni di Berlusconi del 26 marzo 2008, quando in campagna elettorale, nel corso di un comizio a Viterbo, affermò che "Di Pietro si è laureato grazie ai Servizi". Il Cav aveva poi aggiunto che Tonino "rappresenta il peggio del peggio, perché ha mandato in galera gli italiani senza prove". Concetti che pochi giorni dopo aveva ripetuto a Porta a Porta. Secondo la relazione della Giunta per le autorizzazioni, si trattava di "un giudizio soggettivo negativo, allo scopo di distrarre il consenso dei cittadini". Pera la Consulta, invece, "una tale finalità non è in alcun modo ricollegabile all'esercizio di funzioni parlamentari".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pierino2008

    05 Settembre 2014 - 18:06

    Non mollare On Di Pietro Vada fino in fondo e che paghi gli abusi di ognipotenza perhé aveva l'immunità Parlamentare. è ora che gli venga presentato il conto.

    Report

    Rispondi

  • Uchianghier

    Uchianghier

    04 Settembre 2014 - 10:10

    Io come prova a difesa di Silvio porterei Di Pietro sul banco degli imputati e gli farei alcune domande di cultura generale.

    Report

    Rispondi

  • gerry42

    03 Settembre 2014 - 10:10

    Ma quando si processa Di Pietro per tutti i soldi che si è fottuto con i rimborsi elettorali che non erano certamente destinati a lui ma al partito?Bisognerebbe requisirgli tutto quello che ha comprato con i soldi dei cittadini fessi che hanno creduto alla sua onestà.

    Report

    Rispondi

  • cane sciolto

    02 Settembre 2014 - 16:04

    Di Pietro mi sa che non ci stai azzeccando più, portaci il PD, Monti e PDL che ci hanno massacrato e non è finita purtroppo siamo un popolo di pecoroni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog