Cerca

Candidato governatore

Pd Emilia Romagna, caos primarie: Graziano Delrio o Romano Prodi al posto di Bonaccini

Pd Emilia Romagna, caos primarie: Graziano Delrio o Romano Prodi al posto di Bonaccini

Di fronte al terremoto giudiziario in Emilia Romagna a Matteo Renzi e al Pd non resta che trovare "il biscolone" e calarlo sul tavolo delle primarie. L'inchiesta bolognese sulle spese pazze in consiglio regionale hanno messo nei guai sia Stefano Bonaccini sia Matteo Richetti, due big dem in regione e rispettivamente candidato favoritissimo ed ex candidato per la poltrona che è stata fino a qualche mese fa del potentissimo Vasco Errani. Anche loro, come il governatore uscente, rischiano di essere appiedati dalla giustizia. Se Richetti aveva già rinunciato alla candidatura in mattinata, con tempismo che qualcuno definisce sospetto, Bonaccini non molla: "Non lascio, dimostrerò la mia innocenza".

I due "briscoloni" - Al Largo del Nazareno però si teme un boomerang: ha senso candidare alla presidenza della Regione un candidato indagato per peculato dopo aver perso un mammasantissima come Errani per falso ideologico? Molti pensano di no, e Bonaccini avrebbe le ore contate. Ma chi mettere al suo posto per tenere unite le varie anime dell'Emilia? Il "briscolone" sarebbe Graziano Delrio, ex sindaco di Reggio Emilia e oggi sottosegretario un po' in rotta con la squadra di governo e soprattutto il suo alter ego Luca Lotti. Di Delrio da settimane si parla in relazione a un eventuale rimpasto, e farlo diventare (potente) governatore sarebbe un ottimo ripiego, per lui e anche per il premier e i suoi "fedelissimi". Secondo nome, altamente suggestivo: Romano Prodi. Secondo Repubblica il Professore non accetterebbe né sarebbe graditissimo allo stesso Renzi, ma la situazione è grave e sarebbe pur sempre meglio ingoiare il rospo che rischiare il capitombolo.

I tre "ripieghi" - Piano C, D ed E sono decisamente meno probabili: spostare a Bologna un altro big emiliano, il ministro della Cultura Dario Franceschini, ferrarese di nascita, oppure il modenese Giuliano Poletti, che al Welfare non è che abbia fatto impazzire. Oppure ripiegare sull'ex candidato governatore designato a suo tempo da Errani e Pier Luigi Bersani (anche lui tirato in ballo: fantascienza), il sindaco di Imola Daniele Manca. Per Renzi, che lo silurò, significherebbe perdere la faccia. Ma è sempre meglio che perdere e basta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doberman

    10 Settembre 2014 - 21:09

    C'è da dire che i cavalieri della toga rotonda sono intervenuti solo per dare un avvertimento a R.

    Report

    Rispondi

  • milibe

    10 Settembre 2014 - 16:04

    ….prodi… ma facciamo un salto all'indietro nel tempo?

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    10 Settembre 2014 - 16:04

    Ma l'indignazione, le offese, le risatine ..... dove sono??????? Dove sono i kompagni sinistronzi pronti a stracciarsi le vesti ??????.... Ah, in questo caso si tratta dei loro consimili, perciò zitti e mosca. Vediamo in quanti avranno il coraggio di postare. Bastardoni.

    Report

    Rispondi

  • filadelfo

    10 Settembre 2014 - 15:03

    Bonaccini e Richetti i peggiori dei migliori, sembrava fino a ieri. Oggi senti i nomi di Prodi, Del Rio, Poletti, Franceschini, Bersani, Manca e ti accorgi che al peggio non c'è mai fondo. Ma non erano quelli con le mani pulite, la superiorità morale, gli antropologicamente diversi perché migliori? E ancor c'è gente che crede a questi lestofanti. Quanti boccoloni, a sinistra

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog