Cerca

La mossa

Pier Carlo Padoan, la voce: "Dopo la finanziaria lascia il governo"

Pier Carlo Padoan, la voce: "Dopo la finanziaria lascia il governo"

A un passo dall'addio. Pier Carlo Padoan prepara le valigie. In via XX settembre dopo il varo della finanziaria attendono un nuovo ministro dell'Economia. Secondo i rumors e le indiscrezioni che arrivano da Panorama, l'uomo dei conti sarebbe pronto per mollare la poltrona. Il ministro Padoan sa bene che la finanziaria è una corsa ad ostacoli. Trovare le risorse e soprattutto le toppe alle falle provocate dai ripetuti annunci del premier sugli 80 euro e i bonus Irpef diventa impresa ardua se non impossibile. Nel frenetico calendario di palazzo Chigi e di via xx settembre c'è una data che fa tremare il governo: il 21 settembre. Sarebbe questa la data limite per sbloccare i debiti della pubblica amministrazione. Servono 68 miliardi e Padoan ne ha trovati 30. Numeri che fanno lievitare la tensione nel governo. Insomma prima che finisca questo mese le promesse di marinaio del premier potrebbero naufragare e con loro Pier Carlo Padoan.

Il perché dell'addio - Il ministro è consapevole delle proprie difficoltà politiche. L'economista, è cosa nota, ha idee e formazione dalemiana, non propria gradita al premier. E così pian piano Renzi ha spinto sulla porta d'uscita lo stesso Padoan che adesso sarebbe sull'orlo di una fuoriuscita dal governo senza fare rumore. Il premier è già pronto a piazzare i suoi uomini. Yorem Gutgeld è già apparso come uomo di fiducia a cui affidare i tagli alla spesa.

Chi arriva - Un incarico informale che è già pronto per il dopo Cottarelli, poi c'è l'ex vigilessa Antonella Manzione che è già a palazzo Chigi e infine per allargare il "giglio magico" il premier consulta senza sosta Andrea Guerra che lasciata Luxottica potrebbe entrare nella squadra di governo. Insomma i dissidi col premier indeboliscono Padoan. Salgono così le quotazioni per una sostituzione in via XX settembre. Varata la finanziaria, dicono i bene informati, il ministro potrebbe lasciare. E al suo posto, come è prevedibile questa volta arriverà un renziano d.o.c. capace di assecondare le vane promesse di un premier che vive di slide e tweet. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • highlander5649

    12 Settembre 2014 - 11:11

    renzi, prima di bocciarti definitivamente ti lascio un ultimo compito: prova a mettere gutgeld che mi sembra avere idee diverse dai soliti ministri finanze tassaioli incalliti (pure tremonti non si è discostato dal clichè di csx). ci vuole un colpo d'ala.. allora faccia partire la riforma fiscale senza attednere chissà quali eventi!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    12 Settembre 2014 - 10:10

    E', più che altro, una questione di dignità personale. E' tutto da vedere se Padoan ce l'ha o no! Come si può far parte di un governo che vive alla giornata che non ha progetti idee ed obiiettivi? Un governo dove la media culturale è prossima allo zero e che in 8 mesi, nonostante gli annunci e le promesse, ha fatto peggio di tutti quelli che lo hanno preceduto? Ormai solo i fessi credono a Renzi!

    Report

    Rispondi

  • encol

    12 Settembre 2014 - 10:10

    Ma che gioco è questo? Tuuti si accomodano in poltrona, intascano una fortuna, fanno danni, poi mollano alla chetichella e.... avanti un altro ladro incapace.

    Report

    Rispondi

    • mau340

      12 Settembre 2014 - 11:11

      è il gioco che berlusconi ha fatto per dodici anni di disastri.

      Report

      Rispondi

      • tizi04

        12 Settembre 2014 - 14:02

        tu confondi la cioccolata con la m....Berlusconi era stato eletto dal popolo e quasi tutti suoi governi sono durati 5 anni(a parte l'ultimo fatto cadere da re giorgio)QUi si cambia ogni anno con un sinistro incapace diverso ma con gli stessi risultati anzi peggiori.Invece di riprendere il discorso con Berlusconi.Dai una volta tanto un tuo giudizio sul tuo pupillo (sempre se ci riesci !!!)

        Report

        Rispondi

  • plt56

    12 Settembre 2014 - 08:08

    all'Italia non serve un teorico. ci vuole una persona pratica che costantemente ha le mani in pasta nelle problematiche economiche. Padoan ha sempre risolto i problemi nell'aria mai praticamente. Quindi ben venga una persona diversa capace e più risolutiva.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog