Cerca

Violante e Bruno

Consulta, altra fumata nera: il voto slitta a giovedì mattina

Luciano Violante

Non bastano né il vertice tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi né il durissimo monito di Giorgio Napolitano contro i partiti: al termine della nuova giornata di votazioni, l'ennesima fumata nera. Niente accordo: non sono ancora stati eletti i due giudici della Corte Costituzionale e i due membri laici del Csm. Il quorum per la Consulta è di 570 voti, pari ai 3/5 dei componenti dell'assemblea; quello per il Csm di 514. I votanti, all'ultima seduta, sono stati 855. Rispetto all'esito della votazione di ieri sera Luciano Violante ha perso 8 voti (518 contro 526) mentre Donato Bruno ne ha persi 33 (511 contro 544). I nomi in campo restano sempre quelli, quelli di Violante e Bruno, ma i franchi tiratori dei partiti continuano ad aprire il fuoco, impedendone l'elezione e rendendo le loro posizioni sempre più deboli. Si tenterà di nuovo nella mattinata di giovedì. Il deputato Pd Ettore Rosato ha dichiarato: "Nella seduta di domani mattina noi continueremo a votare per la Consulta Luciano Violante e Donato Bruno". Successivamente si è registrata una fumata nera anche per i membri del Csm nella votazione alla Camera. Il nome sul quale avrebbero dovuto convergere i voti di Pd e Fi per Palazzo dei Marescialli, Pier Antonio Zanettin, si è fermato a 448 preferenze.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    18 Settembre 2014 - 17:05

    Continua la frenetica attività dei franchi tiratori che già ci ammannirono la sciagura della Presidenza Gronchi, inizio di tutti i mali di questo Paese.

    Report

    Rispondi

  • mozzgilb

    18 Settembre 2014 - 12:12

    per me la possono chiudere. tutti tirano in ballo la costituzione in un paese dove le aziende falliscono perché non vengono pagate dallo stato. vedete che non serve la consulta.

    Report

    Rispondi

  • Paolo1946

    18 Settembre 2014 - 08:08

    Ulteriore dimostrazione che 1000 tra senatori e deputati sono troppi e con troppi interessi.

    Report

    Rispondi

blog