Cerca

Indagato il papà di Renzi

La proroga delle indagini chiesta quando Matteo vuol tagliare le ferie dei giudici

La proroga delle indagini chiesta quando Matteo vuol tagliare le ferie dei giudici

Il papà di Renzi, Tiziano, è stato indagato per bancarotta fraudolenta dalla Procura di Genova. La vicenda è relativa al fallimento della società di distribuzione Chil Post, nel maggio 2013. Il curatore avrebbe rilevato passaggi sospetti dei rami d'impresa, e comunque delle uscite di denaro ingiusitificate. L'inchiesta è seguita dal pm Marco Ayroldi e seguita  dal procuratore aggiunto Nicola Piacente. La bancarotta viene contestata ad altre tre persone, ex amministratori della società. L'avviso di garanzia è stato notificato a Tiziano Renzi tre giorni fa, e coincide con la richiesta di proroga di indagini al Gip. Una coincidenza, certo. Ma inevitabile subito sorge un dubbio "cattivello":  la richiesta di proroga delle indagini al Gip è avvenuta tre giorni fa, quando Renzi chiedeva ai giudici di tagliarsi le ferie. 

 

L'avviso di garanzia al padre di Renzi è la "vendetta"
dei giudici contro il taglio delle feri?
Vota il sondaggio di Liberoquotidiano.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • milibe

    19 Settembre 2014 - 13:01

    magistratura di m…a

    Report

    Rispondi

  • RaidenB

    18 Settembre 2014 - 19:07

    Ben gli sta. Se la rideva quando la magistratura indagava su Berlusconi. Ora ridiamo noi.

    Report

    Rispondi

    • gattopardo46

      19 Settembre 2014 - 14:02

      Credo ci sia poco da ridere. Se quanto detto è vero bisogna cacciare via Renzi al più presto possibile in quanto figlio di imbroglione

      Report

      Rispondi

  • insorgi

    18 Settembre 2014 - 17:05

    Giudici a pane e acqua, vediamo se abbassano la cresta questi mafiosi.

    Report

    Rispondi

  • 946wolf

    18 Settembre 2014 - 17:05

    Non ci stupiamo. quando si tocca la magistratura....si viene subito indagati per reati magari dei nonni, degli zii dei cugini di sesto grado...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog