Cerca

Palazzo e veleni

Pd, l'indiscrezione sul Nazareno: "La minoranza dem vuole Visco al posto di Renzi"

Pd, l'indiscrezione sul Nazareno: "La minoranza dem vuole Visco al posto di Renzi"

La cena dei veleni voluta da D'Alema per fare il punto con la sinistra Pd è stato un campanello d'allarme. Matteo Renzi è tornato nel mirino della sinistra Pd. Baffino, secondo quanto ha raccontato il Corriere della sera qualche giorno fa, avrebbe criticato aspramente il premier accusandolo di non aver mantenuto i patti: "A me aveva detto determinate cose, sia sulla composizione del governo che sulla nomina europea dell'Alto rappresentante e poi non ha tenuto fede alla parola data. Prima o poi qualcuno dovrà raccontare le bugie che dice quello lì". Parole pesanti che hanno riacceso i riflettori sulla faida interna al Nazareno cominciata nel momento in cui Renzi è arrivato alla segreteria. Così con un parlamento poco fedele al premier e marcatamente orientato su posizioni bersaniane, Renzi ha mandato un messaggio chiaro a chi vorrebbe dargli una spallata: "Non esistono alternative a questo governo, l'unica alternativa possibile è il voto".

Le mosse del Nazareno - Ma a quanto pare, secondo quanto racconta Francesco Verderami sul Corriere della Sera, la minoranza Pd che va da Civati a Bersani, passando per D'Alema, prepara la mossa per ribaltare il tavolo di palazzo Chigi. I rumors parlano di "un'operazione tipo Monti, una soluzione di riserva". Insomma un altro premier che sostituisca Matteo e possibilmente tecnico come lo era il Prof bocconiano. "Nel Pd c'è chi discute di questa eventualità", come afferma Civati, ma nessuno esplicitamente fa il nome del panchinaro che si scalda a bordo campo. Ma qualcuno, come Maurizio Sacconi e qualche dirigente del Pd, si spinge oltre e fa un nome: Ignazio Visco. Il governatore di Bankitalia era nella rosa dei probabili ministri di un esecutivo Bersani che però naufragò davanti alle larghe intese.

Gli avvertimenti - Insomma al Nazareno si lavora senza sosta alle spalle di Renzi. Anche Gianni Cuperlo non nasconde l'ipotesi di un cambio della guardia a palazzo Chigi: "Ragionevolmete dopo Matteo c'è solo il voto, anche se la politica a volte ti mette di fronte a degli scarti imprevedibili". Fassina è più prudente: "Lavoro per cambiare l'agenda del governo, non il governo". Insomma dentro il Nazareno ci sono diverse correnti, non una novità dalle parti del Pd, ma la minoranza che prepara qualche sorpresa amara per il premier preoccupa e non poco i renziani. Insomma Matteo non riesce ancora a tenere saldamente il partito dalle sue mani. Un partito che ormai ha un solo obiettivo: fare opposizione al premier pur essendo in maggioranza. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • apostrofo

    25 Ottobre 2014 - 20:08

    Come dire: entra tu che a me vien da ridere.... così recitava una vecchia barzelletta sulle volpi che tentavano di entrare nel pollaio e prendevano palate dal contadino. Renzi ha aperto una strada nuova al PD. Baffino vuole riportare la barra a .. manca, dandogli il cambio. Metti che Renzi creda davvero nella parte di semidestra che sta recitando... Pericolo da scongiurare, no ?

    Report

    Rispondi

  • francescoiacca

    22 Ottobre 2014 - 18:06

    chi di spada ferisce di spada perisce,d'altra parte un premier non eletto deve aspettarsi uno sgambetto o del fuoco amico e non sarebbe un male se si pensa a tutte le bugie propinateci fino ad oggi.Purtroppo anche i commenti servono a poco o niente.....almeno un piccolo sfogo.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    22 Settembre 2014 - 07:07

    Mezzo Nazareno contro...Un insulto che richiama alla mente un altro personaggio di ben piu' nobile spessore.LERCI.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    21 Settembre 2014 - 13:01

    IL POPOLO ITALIANO DEVE SMANTELLARE QUESTO STATO DI LADRI, UN CANCRO COSTRUITO A TAVOLINO IN DECENNI DA POLITICI TRUFFATORI DI DX E DI SX. Renzi viene scalzato ? no problem, ci restano sempre i 5 stelle che di opposizioni interne non ne hanno, e non hanno Mafie politico-burocratico-economiche decennali. Al Pd resteranno gli asini che votano col paraocchi, come al solito. MA SONO MINORANZA !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog