Cerca

Gli sms nella notte

Articolo 18, Renzi si affida a Chiamparino: "Sergio pensaci tu"

Articolo 18, Renzi si affida a Chiamparino: "Sergio pensaci tu"

A 48 ore al confronto decisivo nella direzione del partito Matteo Renzi affida a Sergio Chiamparino il compito di trovare un'intesa tra le diverse anime del Pd sull'articolo 18. Ieri, secondo il retroscena di Repubblica, è stato un susseguirsi di sms con il governatore del Piemonte: «Porta avanti quella mediazione», gli ha scritto il premier da Detroit, poche ore prima della visita alla Fiat-Chrysler. E ancora alle 0,51 della notte di giovedì: «Caro Sergio, così mi va bene».

Reintegro obbligatorio - Renzi si riferisce alla strada tracciata da Chiamparino nell'intervista giovedì rilasciata a Repubblica: «Riscriviamo le leggi sul lavoro e sugli ammortizzatori sociali e definiamo un elenco di casi precisi, come ha proposto Cuperlo, nei quali il reintegro è obbligatorio. Casi che riguardano violazioni dei diritti civili e politici». In tutte le altre situazioni il licenziamento ingiusto deve essere valutato non da un giudice ma da un arbitro scelto da sindacati e imprese. L’arbitro deve solo stabilire l’entità del risarcimento da riconoscere al lavoratore. «In questi casi - ripete Chiamparino a Renzi nella conversazione notturna via sms - i magistrati non ci devono mettere becco».

Sms pure con Orfini - Questa strada, spiega Paolo Griseri, eviterebbe di consegnare a Confindustria e agli imprenditori lo scalpo dell’articolo 18 e, nello stesso tempo, potrebbe ridurre i casi di intervento della magistratura ordinaria nel contenzioso tra aziende e lavoratori. Se questa fosse la proposta finale, sarebbe piuttosto difficile per gli imprenditori opporsi ad una legge che punisce le discriminazioni in base all’orientamento sessuale, alla religione, al colore della pelle o alle scelte sindacali dei dipendenti. Che la strada su cui sta muovendosi il premier sia quella di lasciare la tutela dell’articolo 18 solo ai casi di violazione dei diritti civili è confermato dal presidente del Pd, Matteo Orfini, che avuto scambi di sms con il premier nelle ultime ore: «Dobbiamo essere molto precisi nella scrittura della delega - dice Orfini - e salvare il criterio del reintegro obbligatorio nei casi di discriminazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianni modena

    27 Settembre 2014 - 10:10

    come sempre fai dietrofront e si cambiain corsa . non hai il quid e lepalle . spero che Berlusconi si sia stancato delle tue piroette da ballerino , una volta di piu- vai al diavolo .

    Report

    Rispondi

  • gianbus52

    27 Settembre 2014 - 10:10

    100.000 imprese licenziano un dipende a testa nessuno ci fa caso una fabbrica manda in cassa integrazione 500 o 1000 dipendenti un casino e l articolo 18 gli artigiani non ce l hanno questo articolo 18 ma hai sindacati non gliene frega niente

    Report

    Rispondi

  • arwen

    27 Settembre 2014 - 10:10

    La sx è veranete patetica. Immagino lo sconcerto di tutte le pecorelle rosse nel vedere il loro amato leader a braccetto con Marchionne, mentre sputa sui sindacati, certo anch'essi ampiamente insolventi nei confronti dei lavoratori, e mentre si industria per trasformere il paese in una massa di precari senza fissa dimora. Dove sono le masse che scendevano in piazza contro il nemico B., dormono?

    Report

    Rispondi

blog