Cerca

Trattativa Stato-mafia

Napolitano, piano dei renziani per salvarlo dai giudici

Vai avanti tu...che io non posso. Ieri pomeriggio le agenzie hanno battuto un take piuttosto criptico: "Ross, valutiamo ricorso contro testimonianza Napolitano su trattativa Stato-mafia". Il Rossi in questione di nome fa Enrico e di professione fa il presidente della Regione Toscana. Il suo intento è quello di presentare un ricorso alla Corte costituzionale per evitare al Capo dello Stato la testimonianza richiesta dai giudici di Palermo: "Valuteremo la cosa attentamente e, se esiste la possibilità da parte delle Regioni di dire la propria, io dirò la mia". Il punto è che i governatori delle Regioni essendo grandi elettori del presidente della Repubblica secondo alcuni costituzionalisti potrebbero a buon diritto dichiararsi parti interessate. Ma che c'entra, vien da chiedersi, il governatore della Toscana in una vicenda che passa apparentemente tanto sopra la sua testa. C'entra se si valuta la parabola di Rossi, che da avversario quela era di Renzi si sta ora riposizionando vicino al premier, anche e soprattutto in vista delle prossime elezioni regionali in vista delle quali Rossi punta a ricandidarsi. E qual miglior biglietto da visita, per lui, di un bel ricorso (o dell'intenzione di presentarlo) per dare aiuto (che Renzi di persona non può offrire) a Giorgio Napolitano, che del premier Renzi è rimasto ormai uno dei pochi sostenitori? 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucadagenova

    02 Ottobre 2014 - 21:09

    ma siiiiiii..... gia' che ci siamo facciamone due.. uno per il presidente mafioso.. e l'altro per il babbo truffatore

    Report

    Rispondi

  • guifra35

    29 Settembre 2014 - 11:11

    Quando si tratta di perseguire i vari Andreotti, Berlusconi, Mastella ecc..... allora i giudici osservano le leggi e fanno il loro dovere. Quando toccano i comunisti, chiunque essi siano, si mettono in moto tutti gli organi politici e spuntano cordate da ogni parte per salvarli.

    Report

    Rispondi

  • spak_free

    28 Settembre 2014 - 22:10

    non ho capito una minchia.ma che italiano parlate?

    Report

    Rispondi

    • accanove

      29 Settembre 2014 - 11:11

      diciamo che si attiva "soccorso rosso", essendo le regioni grandi elettori del capo dello stato è loro facoltà sollevare ricorso alla Corte Costituzionale per conflitto di attribuzione in atti che lo riguardino. In sintesi Napolitano si caga sotto, dalla testimonianza può uscire indagato e sarebbe il secondo "impeachment" in Italia dopo Leone, il governatore rosso può aiutarlo

      Report

      Rispondi

  • solerosso34

    28 Settembre 2014 - 20:08

    MA IN ITALIA COMANDANO I GIUDICI O I POLITICI???? ROTTAMARE TUTTI GIUDICI, DA QUELLI CHE CONDANNARONO TORTORA, QUELLI CHE HANNO PROCESSATO CRAXI BELUSCONI ANDREOTTI E QUELLI CONTINUANO A FARE FINTA DI PROCESSARE CARLO DE BENEDETTI, PER TUTTO QULLO CHE FA' E PER QUELLO CHE HA VENDUTO ALLO STATO, MATERIALE DA BUTTARE. MA LUI CONTINUA A FARE IL PADRONE D'ITALIA D'ACCORDO CON I GIUDICI PRO REPUBBLICA

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog