Cerca

La vecchia guardia

D'Alema e Bersani delusione dopo la direzione Pd

D'Alema e Bersani delusione dopo la direzione Pd

D'Alema e Bersani, i "vecchi" del Pd dopo la direzione del Pd meditano vendetta. Entrambi hanno alzato il livello dello scontro usando parole durissime contro il premier, in realtà saranno traditi perché le loro truppe non sembrano disposti a seguirli. La minoranza deopo le primarie circa il 30% del partito si è divisa tra giovani turchi. guidati da Matteo Orfini, ex fedelissimo di D'Alema e dal ministro della giustizia Andrea Orlando sono entrati in maggioranza in quanto hanno votato il documento di Renzi. Una parte dei dalemiani e dei bersdaniani si sono astenuti altri hanno votato a favore mentre Massimo D'Alema, Pierluigi Bersani e Pippo Civati hanno votato no. Matteo Renzi ieri ha incassato un voto a larghissima maggioranza un documento che mantiene il reintegro, in caso di licenziamenti illegittimi, solo nei casi discriminatori e disciplinari.  Tutto è rinviato al Senato dove i sette voti mancanti potrebbero essere compensati da Forza Italia ma al presso di cambiare la maggioranza e aprire una crisi di cgoverno. Se il dissenso non dovesse diminuire Matteo Renzi potrebbe aprire una crisi di governo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • apostrofo

    03 Ottobre 2014 - 19:07

    Questa manfrina del dissenso del PD con Renzi non la tollero più. Renzi ha fatto esattamente ed esclusivamente quello che voleva il PD. Ha rimestato tante carte per piazzare i suoi in tutte ripeto tutte le posizioni strategiche ,pubbliche e non, per la conquista democratica del potere ( sarà la prima volta nella storia del comunismo). Il senato trasformato in dopolavoro dei compagni d'Italia.

    Report

    Rispondi

  • fortunello

    30 Settembre 2014 - 19:07

    Ma questi due BALORDI, anzi tre, ci aggiungo anche quel "rosicone" quanto insulso "figuro" del sig. Civati, non hanno una moglie, un parente, un qualsiasi amico insomma che possa consigliar loro di sparire una volta per tutte dai coglioni della gente che con loro è stata fin troppo paziente! BALORDI e BASTARDI!!! a mai più rivedervi.

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    30 Settembre 2014 - 18:06

    Ma questi due non hanno ancora capito che devono farsi da parte? Non li vogliamo più vedere. Di guai ne hanno combinati di tutti i tipi a tutti gli italiani. Spero e mi auguro che Renzi sia veramente un rottamatore di tutti i vecchi del partito comunista. Con falce e martello vadano a tagliare l'erba e a rinforzare le staccionate dei nostri confini. Capito mortadella e baffino?

    Report

    Rispondi

    • tiumario

      30 Settembre 2014 - 19:07

      brava Lucia a questi individui bisognerebbe con la falce tagliare la testa di minch.... che hanno e poi col martello finire l'opera.

      Report

      Rispondi

  • giovanni.deprosperis

    30 Settembre 2014 - 17:05

    ma questi 2 signori non vanno in pensione ? non hanno ancora capito che ad un certo punto il loro cervello si atrofizza e resta fermo alle idee sessantottine ormai superate e sopratutto al signor D'alema proprio lui sessantottino e che gli rode il c..... a lasciare il potere? chi scrive è un sessantottino felicemente in pensione e contento di lasciare che le giovani generazione vadano avanti .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog