Cerca

Le profezie del prof

Monti: "Grande coalizione per le riforme. Rischio manovra a primavera"

Monti: "Grande coalizione per le riforme. Rischio manovra a primavera"

Manovra aggiuntiva e grande coalizione: Mario Monti prepara gli italiani alle prospettive più plumbee per i prossimi mesi. Uno scenario da incubo che il premier uscente, e aspirante tale, ha disegnato ospite a Omnibus, su La7, dove oltre che parlare di Imu, Irap e Irpef ("Tra 2013 e 2014 le abbasseremo tutte e 3", ha promesso) si è sbilanciato anche sul versante più propriamente politico.

Monti-bis
- Innanzitutto, le riforme. Monti ha ribadito la necessità di andare a fondo su legge elettorale e taglio dei parlamentari, con modifiche alla Cosituzione. Per fare questo servirà, secondo il leader del Centrino, "un'alleanza allargata". Insomma, se nella prossima legislatura "ci fosse una grande coalizione su alcuni temi di riforma oltre che su quelle costituzionali, non so se avrebbe il sapore della vecchia politica. Forse avrebbe il sapore della politica necessaria". Un Monti-bis a tutti gli effetti, dunque.

Manovra di primavera - E potrebbe non essere l'unico bis concesso dal professore, visto che in primavera potrebbe servire all'Italia una manovra aggiuntiva. "Dipende dall'esito del voto - ha spiegato -, anche se nel 2013 il Pil andasse peggio di quanto previsto tempo fa e se fosse negativo questo non porterebbe di per sé la necessità di una manovra, perché l'obiettivo di bilancio è in temini strutturali, non per ciclo. Quindi io escludo la manovra, ma non escludo niente in certi casi di esiti del voto". Una manovra che, secondo Renato Brunetta (Pdl), ci costerà 16 miliardi di euro per rientrare dai disastri economici di riforma del lavoro e pensioni e errori nelle previsioni sul Pil. Il discorso di Monti è chiaro: se dalle urne non uscirà una maggioranza coesa e sicura, il rischio è che l'Italia corra ancora incontro alla speculazione finanziaria e all'assalto dello spread. IE in quel caso Monti si preparerà a tornare in sella, qualunque sia il suo risultato elettorale.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    29 Gennaio 2013 - 16:04

    Perchè a sinistra stiamo messi meglio? E se all'equazione aggiungete anche Monti+Fini+Casinicosa esce fuori? La verità è che noi italiani siamo veramente fottuti!

    Report

    Rispondi

  • LapuLapu

    29 Gennaio 2013 - 11:11

    Il cavaliere è quello più interessato alla grande coalizione e ce la sta mettendo tutta per impedire che la piccola coalizione PD-proMonti governi da sola. Il PDL non potrà mai raggiungere un risultato elettorale che gli permetta di governare da solo e qualora dovesse succedere, la coalizione di dx contiene troppe contraddizioni e troppi partitini che la possono condizionare. Non durerebbe molto.

    Report

    Rispondi

  • encol

    29 Gennaio 2013 - 07:07

    Meglio dire grandissima confusione mentale. Non so quanti come me fanno fatica a capire questo soggetto che solo un mese fa disse: " Chi pensa di togliere la IMU sarà costretto, l'anno successivo, a rimetterla triplicata" Ora, invece, pare che non solo la IMU ma pure Irap e Irpef si possono abbassare- Mi chiedo: per quale motivo ha introdotto delle tasse che hanno avuto il risultato di distruggere l'economia sopratutto reale del paese se nemmeno un anno dopo si possono togliere o quanto meno ridurre in modo sensibile? Come si fa dar credito ad un soggetto simile che non sa ciò che fa e dice? Certo per la germania va bene perchè a Monti fa fare ciò che vuole e lo scopo di questa germania è di trasformare l'Italia a loro immagine e somiglianza. Con il Cav. non ci riusciranno MAI.

    Report

    Rispondi

  • alfredo giulio

    28 Gennaio 2013 - 19:07

    Ebbene Monti è il pupazzo e la voce gliela da Cristhine Lagarde su testo del FMI. Infatti lui deve leggere il suo programma e, se vi capita di sentire su emittenti estere la Lagarde, vi dice cosa c'è nell'agenda Monti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog