Cerca

Nuovi equilibri

Consulta, Matteo Renzi apre al M5S per risolvere lo stallo

Consulta, Matteo Renzi apre al M5S per risolvere lo stallo

Il Movimento Cinque Stelle entra nella partita per la Consulta. A volerlo è Matteo Renzi che con questa mossa blocca in parte il dialogo con Forza Italia. Per trovare i nomi giusti Matteo Renzi tende la mano al Movimento 5 Stelle offrendo loro una casella vacante al Consiglio Superiore della Magistratura e nello stesso tempo mette alla porta senza tanti complimenti Luciano Violante. Dopo venti tentativi andati a vuoto e circa tre mesi di stallo sembra dunque tramontare la corsa alla carica di giudice costituzionale dell’ex magistrato ed ex presidente della Camera, così come è tramontata la candidatura di tre personalità gradite al centrodestra, come Antonio Catricalà, Donato Bruno e Francesco Caramazza. "Dobbiamo prendere atto – avrebbe dichiarato il premier ai suoi, come racconta Repubblica – che la candidatura di Violante ormai va messa in archivio, e dobbiamo guardare avanti. Ai grillini. Abbiamo un posto nel Csm che possiamo lasciare a loro, e loro saranno ovviamente liberi di scegliersi il candidato che preferiscono. Noi, per la consulta, dobbiamo indicare due nomi di tecnici puri, nomi di alto profilo, se fossero due donne sarebbe ancora meglio".

Nomi tecnici - La ricerca di un’intesa ruoterebbe intorno al fatto che il Movimento 5 Stelle ha sempre detto di essere disponibile a votare due nomi di personaggi dal profilo tecnico e istituzionale indiscutibile. Renzi avrebbe quindi chiesto di individuare come potenziali giudici costituzionali due personalità estranee alla politica. I pentastellati dunque potrebbero essere determinanti in cambio del posto al Csm. Qualcuno tra loro avrebbe già manifestato in maniera esplicita la propria disponibilità. "Sui nomi validi siamo aperti. Quanto al posto al Csm, il nostro nome c’è già, ed è quello di Alessio Zaccaria", avrebbe dichiarato un pentastellato vicino a Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Anna 17

    Anna 17

    23 Ottobre 2014 - 08:08

    Ma non si può trattare con un pazzo invasato e fuori come un balcone. Significa mettersi al suo livello. Ci ha già provato quel poveretto di Bersani ed ha preso quattro cazzottoni da un incapace. Che miserie!

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    22 Ottobre 2014 - 19:07

    Renzi e il Pd= mancanza di idee e di capacità. Grillo e il M5S= ciarlatani e morti di fame e ladroni.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    22 Ottobre 2014 - 16:04

    ma nelle fila dei grillomani, potranno trovare due nomi di alto valore e di un profilo tecnico di altissimo valore? Ma fatemi il piacere, sono una massa di decerebrati e vivono in un mondo di fumo, pippe e caciara giornaliera.Lasciateli perdere. C'è un però, il pregiudicato grillo, visto i fischi e i fiaschi delle ultime ore, vista la figura porca di Genova, bacerà le terga al ciacola, vedrete.

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    22 Ottobre 2014 - 14:02

    Peggio di una puttana questo Renzi, non sa più dove andare per prendere soldi, pardon, voti, appoggi, alleati. Inconcepibile, van bene tutti purché mi "paghino". Vergognoso!!

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      22 Ottobre 2014 - 16:04

      e Burlesque dove li prendeva, allora? In Italia devi avere la maggioranza in Parlamento per fare ogni cosa; e con chi la fai la maggioranza se non detieni il 51% di tuo? Fai come faceva (e farebbe Burlesque ora), cerchi alleanze. Di quali soldi parli?

      Report

      Rispondi

      • pinodipino

        22 Ottobre 2014 - 22:10

        Forse frabelli alludeva ai soldi che tirava fuori il Berlusca per comprare senatori!!!

        Report

        Rispondi

blog