Cerca

Scacchiere azzurro

Silvio Berlusconi e l'indiscrezione su una lista con Lega e Fratelli d'Italia

Silvio Berlusconi e l'indiscrezione su una lista con Lega e Fratelli d'Italia

Silvio Berlusconi prende tempo. Sulla proposta di Renzi di modificare l'Italicum dando il premio di maggioranza alla lista e non alla coalizione, il Cav prudentemente ha scelto la linea del silenzio cercando di richiamare al tavolo delle trattative il premier per definire meglio il patto del Nazareno. La mossa secondo i rumors che arrivano da Arcore e da palazzo Grazioli serve a guadagnare tempo per creare un listone unico di centrodestra da contrapporre a Matteo Renzi nel caso in cui si dovesse andare alle urne nel 2015 o nel 2018. Secondo quanto racconta Affaritaliani, l'ex premier vorrebbe convincere Lega Nord e Fratelli d'Italia a formare una lista unica alle prossime elezioni politiche. Fuori dalla partita potrebbe restare invece Ncd di Angelino Alfano con cui i rapporti pare si siano raffreddati dopo un breve riavvicinamento. La creazione della lista unica richiede comunque tempo.

Ipotesi lista unica - In questo momento sia Salvini che Giorgia Meloni sarebbero scettici su questa idea. Ed è qui che la nuova legge elettorale potrebbe essere determinante. Infatti se l'Italicum dovesse basarsi su un premio alla lista il Carroccio pur raggiungendo il 10 o il 15 per cento alleandosi con la Meloni non potrebbe essere competitivo contro il Pd. Il piano del Cav su questo punto è chiaro: ridefinire la legge elettorale con Renzi per poi convincere Salvini e Meloni ad accettare una lista unica. Il tutto per costruire un blocco di centrodestra capace di essere alternativo al Pd. Infine, in questo quadro di ipotesi c'è una variabile determinante: se la Corte Ue dovesse cancellare la condanna Mediaset,  Berlusconi potrebbe ripresentarsi come candidato premier.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    24 Ottobre 2014 - 11:11

    E questo sarebbe un piano? Dopo le ultime uscite demenziali di Berlusconi, solo un'altra puntata dell'inarrestabile caduta di FI, la forza politica che aveva la presunzione di rappresentare la destra liberale, moderna etc. etc. Fallimento completo.

    Report

    Rispondi

    • bruscoloni

      bruscoloni

      24 Ottobre 2014 - 14:02

      Non le resta che iscriversi all'arcigay.

      Report

      Rispondi

  • encol

    24 Ottobre 2014 - 07:07

    Ma smettila con i segreti, roba da bambini, o FAI oppure vai ai giardinetti.

    Report

    Rispondi

  • gianbus52

    24 Ottobre 2014 - 06:06

    Solo i comunisti che criticano Berlusconi invece Berlusconi ha ragione se si vuole battere la sinistra non c'è Salvini o meloni da soli non andrebbero da nessuna parte

    Report

    Rispondi

    • bruscoloni

      bruscoloni

      24 Ottobre 2014 - 12:12

      Infatti meglio metterci anche l'arcigay

      Report

      Rispondi

  • liberal1

    24 Ottobre 2014 - 05:05

    visto le aperture ai diritti civili molti elettori di FI andranno al NCD e anche quelli in stand by è la maggioranza che non aprirà mai ai matrimoni dello steso sesso d'altronde chi non ha votato è stato alla finestra per vedere gli sviluppi e a quanto pare Alfano supererà il 35% di voti questo perché ha avuto le palle di rompere con B e perché è per responsabilità verso il paese

    Report

    Rispondi

blog