Cerca

La sfida

Forza Italia, Silvio Berlusconi: " A marzo ricostruisco il centrodestra"

"A marzo cambia tutto per il centrodestra". Silvio Berlusconi in un'intervista a ilFoglio (in edicola domani) prova a fare il punto sul cantiere aperto dei moderati e spiega quali saranno le sue prossime mosse. "Intorno al prossimo marzo, mese per noi benigno perché fu il 27 marzo 1994 la prima di tante nostre vittorie, abbiamo intenzione di far partire una grande opera di ricostruzione dell’identità dei riformatori liberali e conservatori italiani, cioè del nostro movimento aperto a gruppi e persone di buona volontà. Sarà una kermesse da sogno, nel senso che è ora di riprendere a sognare", afferma il Cav. Poi parla anche del suo rapporto col premier Matteo Renzi: "Con il presidente del Consiglio ho stretto un patto politico di natura istituzionale. Punto. Era mio dovere farlo – dice Silvio Berlusconi al Foglio – perché l’Italia ha bisogno di rinnovarsi e ripartire, e senza cambiamenti nell’assetto istituzionale riguardo al monocameralismo per l’approvazione delle leggi e al bipolarismo come sistema politico e ai poteri del Presidente del Consiglio e del Consiglio dei Ministri non c’è ripartenza possibile, né per governi di centrosinistra né per governi di centrodestra. Il trasversalismo di Matteo Renzi tutto sommato nonostante forti limiti, è da considerarsi un progresso… Io ovviamente non sono renziano, questo è il succo della caricatura nemmeno troppo divertente che si fa della mia posizione. Spero semmai che il più giovane contraente impari qualcosa dall’esperienza del più vecchio contraente, cioè dal sottoscritto”. 

Il patto con Renzi - Alla domanda se reggerà questo dialogo per le riforme, Berlusconi risponde: “La domanda vera non è se regga o no il patto detto del Nazareno. La domanda è se regge la governabilità, se va avanti la legislatura, se si fanno le cose possibili e dunque se può andare avanti la dialettica tra governo e opposizione, così come è stata impostata, o se si torna traumaticamente e irresponsabilmente a votare, con chissà quale legge elettorale. Poi il Cav ribadisce che lui non ha nessuna intenzione di mollare la scena: "Hanno cercato di offuscare il mio profilo predicando il nostro fallimento e la ‘caduta’ di una leadership dopo la sentenza paradossale che mi ha colpito: gioco facile per loro. Ma se pensano che l’età anagrafica, di cui ho sempre pensato che sia un inganno per i gonzi, o il fatto di combattere ancora per un po’ con le mani apparentemente legate dietro la schiena, mi possa impedire di ricostruire con i miei valorosi collaboratori, con la mia gente, una prospettiva per l’Italia, se lo scordino”.

Unioni civili - Infine sulle unioni civili afferma: "Nel mondo occidentale si sono diffuse le unioni omosessuali. Anche la chiesa cattolica ha le sue incertezze, fa le sue riflessioni sinodali. E noi non possiamo attardarci su una posizione nullista, di chiusura totale alla questione dei diritti delle persone. Personalmente mi piacerebbe che la cosa fosse risolta con patti privati sanciti dal codice civile, più che da norme ad hoc. Ma dobbiamo fare i conti con la realtà ed essere aperti a questa rivendicazione di diritti che non può incidere minimamente sul matrimonio tra uomo e donna, che deve continuare ad essere il fulcro di politiche pubbliche per la famiglia, è ovvio. Quanto all’integrazione dei nuovi arrivati, che deve essere realizzata con l’educazione e l’istruzione e la coesione culturale e civile, è una necessità della storia: vogliamo litigare con la storia?”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piero1939

    28 Ottobre 2014 - 17:05

    PER FAVORE NON FARE PIU' ANNUNCI DI DATE TROPPI RINVII E NULLA DI FATTO. NON SEI PIU' QUELLO CHE VOLEVI FAR CREDERE DI ESSERE MI HAI PRESO PER IL CULO FUCK OFF.

    Report

    Rispondi

  • rossodisera

    28 Ottobre 2014 - 15:03

    Un sorpresa a Marzo, crepo. Festa grande.

    Report

    Rispondi

  • nicanica

    28 Ottobre 2014 - 15:03

    speriamo che torna a governare il nostro caro presidente Silvio Berlusconi mi manchi tanto

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    28 Ottobre 2014 - 13:01

    Non facciamoci infinocchiare, é chiaro che B, ha un'idea sul futuro esattamente come "crede" di averla chiara Renzi. comunque la realtà é una sola... l'Italia sta andando maluccio, e la patata in mano ce l'ha Renzi, vediamo come se la cava, perché i mercati, le imprese e i posti di lavoro non si sistemano con la fiducia, i decreti! egli annunci chiacchieroni!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog