Cerca

L'interrogatorio

Trattativa Stato-mafia: l'interrogatorio di Napolitano

Trattativa Stato-mafia: l'interrogatorio di Napolitano

I magistrati di Palermo sono giunti al Quirinale per la deposizione del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, come teste sulla cosiddetta trattativa Stato-Mafia.L’udienza si terrà nella sala del Bronzino. Al Colle, con il procuratore aggiunto, Vittorio Teresi, ci sono i sostituti Nino Di
Matteo, Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene, tra gli avvocati delle sette parti civili e dei dieci imputati (non ammessi dalla Corte a partecipare direttamente o in videoconferenza alla testimonianza del  Capo dello Stato) ha varcato la soglia del Quirinale anche l’avvocato Luca Cianferoni, legale del boss di Cosa Nostra, Totò Riina.

L’area di piazza del Quirinale è stata transennata ed è  affollata di cronisti e fotoreporter. Una ventina circa le domande che i magistrati di Palermo dovrebbero sottoporre al Capo dello Stato. A rivolgere per primo i quesiti al Presidente sarà il procuratore aggiunto Teresi. Il capo dell’ufficio inquirente, Leonardo Agueci, sarà presente ma non interrogherà Napolitano. La prima parte della deposizione ruoterà attorno alle preoccupazioni che Loris D’Ambrosio, ex consigliere giuridico di Napolitano, espresse al Capo dello Stato nel giugno del 2012 in una lettera scritta un mese circa prima della sua scomparsa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    28 Ottobre 2014 - 17:05

    E come diceva Toto`: " e io pago"!

    Report

    Rispondi

  • claudionebridio

    28 Ottobre 2014 - 14:02

    Forse sarebbe più coerente un processo sui rapporti Stato-Massoneria e sulle mire della massoneria internazionale per destabilizzare il sistema Italia (portate sul banco degli imputati anche Draghi, principale imputato assieme a Napolitano).

    Report

    Rispondi

  • dimovi

    28 Ottobre 2014 - 13:01

    Trattativa mafia-mafia

    Report

    Rispondi

  • RULI5646

    28 Ottobre 2014 - 11:11

    Solo 40 ? Che ci frega a noi, tanto pagano quei coglioni dei contribuenti ! Hanno portato pure familiari ed amanti per la gita fuori porta ? Ormai è tutto fuori controllo !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog