Cerca

Lo sfogo

Matteo Renzi, il sospetto: "Qualcuno tenta la spallata, ci vogliono far passare per quelli che picchiano gli operai"

Matteo Renzi e Susanna Camusso

Dopo gli scontri verbali con i sindacati, largo a quelli fisici: botte a Roma, dove in quattro operai della Thyssen sono stati feriti in una carica della polizia. Maurizio Landini punta il dito contro il governo, Susanna Camusso parla di "un ordine" che qualcuno ha dato, quello di manganellare. Sul metaforico banco degli imputati, dunque, ci finisce proprio lui, il premier. Matteo Renzi, da par suo, ha un solo obiettivo: spegnere, subito, l'incendio che si è scatenato (e che in verità già si sviluppava da diverse settimane). Per questo, dopo le manganellate, ha spedito subito il ministro Federica Guidi alla Camera per esprimere il "rammarico" del governo per quanto accaduto agli operai di Terni. Dunque i contatti, frenetici, con Angelino Alfano. Telefonate, quelle col ministro dell'Interno, per cercare di comprendere di chi sono, ammesso che ci siano, le "responsabilità" della carica della polizia in un momento così delicato. Inoltre, secondo quanto scrive Repubblica, Renzi al termine della giornata doveva fare i conti con quello che da semplice sospetto si stava trasformando in una mezza certezza. Un pensiero che da sabato, dal giorno della manifestazione Cgil in San Giovanni, accompagna l'intero entourage renziano. "Qualcuno - sussurrano -, approfittando della crisi, sta tentando di dare una spallata al governo". E quel qualcuno, sarebbe sempre più simile alla leader della Cgil, Camusso, che agirebbe in tandem con quella minoranza interna al Pd che, magari con l'appoggio e la carica di Landini, vorrebbe detronizzare il premier Matteo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dplucia

    31 Ottobre 2014 - 07:07

    Qualche Questore, più a sinistra di Renzi, e con l'aiutino del terzo potere, che tanto bene vogliono a lui, hanno tentato di mettere in cattiva luce il Premier agli occhi degli inconsapevoli operai.Strano, a momenti,la Polizia non ha usato la forza per contrastare i NoTAV e No Global e facinorosi. Aspettiamoci un regalino dal terzo potere, che ha già uno lo ha sistemato; ma non aspetteremo molto

    Report

    Rispondi

  • afadri

    30 Ottobre 2014 - 18:06

    Anch'io penso a un complotto teso a fare dimettere Renzi. Questi comunisti, integerrimi e di assoluta onestà ...sanno fare anche di peggio..

    Report

    Rispondi

  • arwen

    30 Ottobre 2014 - 18:06

    Nn diciamo sciocchezze Matteo non sarà mediocre, ma nn è stupido. Lui nn teme il complotto, che nn esiste, lui vuole a tutti i costi dimostrare che un complotto esiste. I gufi, i sindacati, la buocrazia, i magistrati, l'europa, il M5S, i poteri forti (cioè quelli che erano alla leopolda). Renzi ha bisogno di nemici. Senza avversari, veri o presunti, la gente lo vedrebbe x ciò che è: un ciarlatano!

    Report

    Rispondi

  • papillon50

    30 Ottobre 2014 - 14:02

    Matteo non ti fermare: levati dalle palle questa associazione a delinquere che è la CGIL e porta a termine il lavoro di cambiamento di questa povera Italia zavorrata da questi vecchi arnesi vetero-comunisti che sono stati e sono la rovina del popolo italiano. La gente che lavora sul serio non ha bisogno di questi pseudo sindacalisti che hanno sempre pensato ai cazzi propri: vicenda Buonanni docet!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog