Cerca

Lettere

Giuliano Ferrara e Renato Brunetta, botta e risposta: scambio di "insulti" su "Il Foglio"

Brunetta, Berlusconi e Ferrara

Il titolo parla chiaro: "Scambio gentile di insulti ragionati tra il fogliuzzo e Renato Brunetta". Sotto al titolo, lo svolgimento: lo scambio epistolare al vetriolo tra Renato Brunetta e il direttore de Il Foglio, Giuliano Ferrara. Per primo l'azzurro, che dopo una spietata critica ad un articolo di Salvatore Merlo comparso su Il Foglio in cui "mi sbatacchia per farmi passare per una particella subatomica che rimbalza follemente qua e là" (il riferimento è un commento sulla comparsa di Brunetta a Dimartedì di Giovanni Floris) passa alla critica alle posizioni de Il Foglio stesso, e dunque di Ferrara.

Qui Renato - Brunetta, tra il filosofico e il politologico, da Marx ad Hegel, spiega che "il tuo giornale è il più libero del mondo. Davvero. Ci scrive il fascista e il progressista, il comunista e il cattolico tradizionalista", e però, poi, "tu attacchi questo sublime carrozzone al treno del Principe pro tempore", che è quel Matteo Renzi fieramente osteggiato da Brunetta e dal suo Mattinale. L'azzurro scrive malizioso: "Non credo affatto sia opportuno, anche se le provvidenze dell'editoria sono importanti". E ancora: "Ma beccati sta coltellata. Non sei marxista, comunista. Sei un hegeliano di destra". Dunque Brunetta rinfaccia a Ferrara quelli che ritiene appoggi politici sbagliati: "A un certo punto per te il Principe ha preso le fatture di Monti, poi quelle di Letta. Infine quelle di Renzi, ma il guaio è che quest'ultimo rischia di durare tanto anche grazie a te. E mi dispiace immaginarti vecchio e canuto esercitarti con la frusta a sistemare i berlusconiani riottosi, a celebrare uno che non gli somiglia neanche un po".

Qui Giuliano - Risponde Ferrara, che premette che "il mio unico principe è la politica". Dopo un po' di filosofia e il "ricordo del ricordo" di Montanelli su Il Foglio, passa al cuore della polemica. E scrive: "Sull'Originale (Silvio Berlusconi, ndr), su Monti, su Letta e su Renzi abbiamo scritto il massimo delle irriverenze, ma abbiamo aderito al progetto politico sensato, significativo, utile, quando c'era o quando c'è". L'Elefantino aggiunge: "Ora ce n'è uno a doppia firma, di principe, si chiama patto del Nazareno e ci va bene così, lo vorremmo veder fiorire senza intralci ideologici o fin troppo pragmatici". Ferrara, dunque, ribadisce senza indugi il suo appoggio al Patto. Poi la risposta all'attacco all'articolo di Merlo, definito la parte "meno gradevole" della tua lettera. Quindi la conclusione, in cui si ribadisce il core business del commento: "Per il resto, grazie dei complimenti, e a presto rivederti come apprezzato collaboratore, quando si sarà diradata questa nube tossica che ci divide: noi con i nazareni, costi quel che costi, renda quel che renda, e tu contro, a costo di schierarti con il nostro eterno Contrappasso, la profia che fa la vestale della Cgil di Susanna e la Catonacensora dei due fanciulli divini che provano a governarci".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    06 Novembre 2014 - 09:09

    In un ipotetico ed assai improbabile duello western tra i due, immagino Ferrara che spara ad altezza d'uomo e Brunetta si salva. Al contrario Brunetta spara a casaccio e comunque coglie Ferrara !

    Report

    Rispondi

  • enricoventuroli

    04 Novembre 2014 - 18:06

    BRUNETTA E FERRARA Non sono abbastanza colto dall’andare a Hegel, Marx, Croce….come fanno i due. Da semplice cittadino, osservatore e lettore noto solo una certa mancanza di “proposta” in molti esponenti della cultura liberale italiana da contrapporre a quella che invade i media con Renzi. Qualche volta ci provo anche io con i modesti strumenti di conoscenza e comunicazione di cui dispongo. Quello

    Report

    Rispondi

  • oenne

    01 Novembre 2014 - 15:03

    scusate mi sono dimenticato _ di ihmafu _ costui é un halbe italiener _ ,con parenti arabi, ove nella città natia era consuetudine costruire le case senza porte e le persone avevano e tuttora hanno libero acesso alle stanze delle loro pseudo capanne

    Report

    Rispondi

  • oenne

    01 Novembre 2014 - 15:03

    bruscoloni_ non hai l aria saccente di qualcuno - sei solo un rompi minchia visto che ... sei una delle tante che in anonimo, ma chiaramente di trans-sinistra- illiberale ,,rompono le couje_ dans çette respectable journal le corna che vedo sicuro fanno parte della tua esigua e anomala pseudo_famiglia__ (fuck you )_

    Report

    Rispondi

    • bruscoloni

      bruscoloni

      02 Novembre 2014 - 13:01

      "dans çette respectable journal"? Bananas sgarrupato. Meglio l'inglese: chissà quante volte glielo avranno detto. Ha ragione sono in anonimato: mica come o n che è conosciuto all over the world of bananas

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog