Cerca

la voce

Firenze, l'indiscrezione della Nazione su Renzi: "La procura indaga sui lavori al Duomo"

Firenze, l'indiscrezione della Nazione su Renzi: "La procura indaga sui lavori al Duomo"

Tegola in arrivo sulla testa di Matteo Renzi? La procura della Repubblica di Firenze, seguendo la strada già intrapresa dalla Corte dei Conti che sta indagando per danno erariale, ha aperto un'inchiesta sulle procedure - ovvero sui tempi e sui modi - che portarono alla pedonalizzazione completa di piazza del Duomo a Firenze, avvenuta il 25 ottobre 2010. Come racconta La Nazione, la procura ipotizzerebbe il reato di abuso d'ufficio. Al momento non ci sono iscritti nel registro degli indagati. Ma il quotidiano di Firenze avvisa: "Rischia di essere un'inchiesta delicatissima, dato che va a toccare direttamente Matteo Renzi".

La vicenda - La pedonalizzazione di piazza del Duomo fu annunciata il 21 settembre 2009 dall'allora sindaco di Firenze Matteo Renzi: "Sono lieto di annunciare - disse - che è intenzione dell'amministrazione comunale procedere alla pedonalizzazione totale di Piazza Duomo, a partire dal prossimo 25 ottobre". Tempi molto stretti. Destinatari dell'ordine di servizio del Comune, ricorda La Nazione, furono principalmente la Firenze Parcheggi e la Sas, cui spettava di organizzare l'intero sistema della pedonalizzazione. a ristrettezza dei tempi. Il Comune varò un'ordinanza di somma urgenza per bypassare le procedure e dare alle due società la possibilità di fare il tutto nei tempi annunciati dal sindaco.

L'appalto - La Firenze Parcheggi e la Sas poterono così esternalizzare alcuni servizi e alcuni lavori per rispettare la fatidica data del 25 ottobre. Su questo passaggio starebbero indagando la Corte dei Conti e la procura: le due società, ricostruisce La Nazione, non avrebbero potuto esternalizzare alcunchè perchè quell'ordinanza non aveva titolo per essere emessa. Intanto nei giorni scorsi, la guardia di finanza, si sarebbe presentata negli uffici della Direzione mobilità e infrastrutture di Palazzo Vecchio, sede del Comune, per acquisire documenti relativi a quella procedura.

 



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    03 Novembre 2014 - 17:05

    Ci si stupisce di un si tale comportamento di Renzi mentre era Sindaco di Firenze ? Mai nessuno si è chiesto come si sia creato certe amicizie danarose che lo sostengono ? Cari Italiani vi si deve ritenere degli illusi o burini che credevate che questo fosse puro e casto ed onesto; pensate poi al sig. Boschi il padre della famosa Elena. Svegliatevi "bamboccioni" !!!!!!

    Report

    Rispondi

    • bruscoloni

      bruscoloni

      03 Novembre 2014 - 19:07

      Qua l'unico che si stupisce è lei

      Report

      Rispondi

  • gregio52

    03 Novembre 2014 - 16:04

    Ci si stupisce di un si tale comportamento di Renzi mentre era Sindaco di Firenze ? Mai nessuno si è chiesto come si sia creato certe amicizie danarose che lo sostengono ? Cari Italiani vi si deve ritenere degli illusi o burini che credevate che questo fosse puro e casto ed onesto; pensate poi al sig. Boschi il padre della famosa Elena. Svegliatevi "bamboccioni" !!!!!!

    Report

    Rispondi

  • oldpeterjazz

    03 Novembre 2014 - 14:02

    Beh, mi pare scontato: Renzi sta finalmente facendo quelle cose che 20 anni fa cercò di fare Berlusconi, senza successo perché la sinistra gli scatenò contro le piazze. Adesso si scatena la magistratura komunista con lo stesso disegno paralizzatore. L' obbiettivo è ridurre l'Italia a paese del quinto mondo.

    Report

    Rispondi

  • ortensia

    03 Novembre 2014 - 14:02

    E allora? Se si trattasse di Bologna anziche' di Firenze sta certo che tutti i lavori se li papperebbero le coop. rosse.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog