Cerca

Vertice al via

Matteo Renzi e Silvio Berlusconi, faccia a faccia a Palazzo Chigi: ecco di cosa hanno parlato

Matteo Renzi e Silvio Berlusconi, faccia a faccia a Palazzo Chigi: ecco di cosa hanno parlato

Matteo Renzi e Silvio Berlusconi si sono incontrati a Palazzo Chigi. Il faccia a faccia è iniziato intorno alle 13.30 ed è durato circa due ore. Il Cav è uscito infatti intorno alle 15.40. Un incontro avvenuto dopo ore di smentite, soprattutto da Forza Italia, è che era incentrato sui punti caldi dell'agenda politica del governo, in testa la legge elettorale che entrerà in discussione al Senato (dove ci potrebbero essere sostanziali richieste di modifiche rispetto al testo approvato alla Camera). Punto cruciale, l'emendamento sul premio di maggioranza alla lista o al singolo partito, ipotesi quest'ultima che stuzzica più il segretario del Pd che il leader di Forza Italia.

Da Verdini a Juncker - In ballo, ci sono anche i guai giudiziari di Denis Verdini, uno dei fautori del Patto del Nazareno che più d'uno tra i democratici vorrebbe mettere definitivamente fuori dal gioco delle trattative. Possibile poi che Berlusconi parli a Renzi anche dei rapporti con l'Europa, all'indomani delle stoccate di Jean-Claude Juncker. Già negli scorsi incontri con il giovane premier, il Cav non aveva rinunciato a dargli consigli sulle cose da dire e da fare nei contesti internazionali. E in qualche modo, soprattutto quando prova ad essere un leader "di rottura", Renzi sembra dargli un po' d'ascolto. 

Il rischio del voto - Secondo alcune fonti si sarebbe trattato di un incontro "interlocutorio". Due ore di intensa trattativa che non hanno prodotto l'accelerazione sperata da Renzi sulla legge elettorale. Il Cav, insomma, frena. Troppo alto il rischio di fornire al premier le armi per un voto anticipato per il quale gli azzurri, oggi, sono impreparati. Con l'approvazione della legge elettorale, Matteo potrebbe tornare alle urne: un concetto che Gianni Letta e Denis Verdini hanno più volte ripetuto al leader. Da par suo, il premier, continua ad assicurare di non volere le elezioni ad aprile, ma con Bruno Vespa si è lasciato scappare un cruciale "anche se a me converrebbero", una frase in grado di far fiorire molteplici (e fondati) sospetti.

Il vertice governo-Pd - Già in mattinata, sempre a Palazzo Chigi, Renzi si è incontrato con i ministri Marianna Madia e Maria Elena Boschi, il sottosegretario Graziano Delrio, Ernesto Carbone, Matteo Orfini, Lorenzo Guerini, Emanuele Fiano, Anna Finocchiaro, Giorgio Pagliari, Roberto Speranza e Doris Lo Moro per affrontare un altro nodo, quello della riforma dell'amministrazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alvit

    06 Novembre 2014 - 11:11

    spero che il Cav abbia sputato in faccia a questo sparaballe a ripetizione. Il Cav sarà stato un putt@@@@e ma almeno molte cose le ha fatte. Ora, stranamente, tutti i komunisti beceri e decerebrati, hanno usufruito di tutto ciò che fece, ma sono solo capaci di negare anche l'evidenza.L'invidia, purtroppo, è insita nel neurone vagante che hanno e spero che ciacola li freghi molto.

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      06 Novembre 2014 - 12:12

      prova ad elencarcelo quello che ha fatto, e poi vediamo

      Report

      Rispondi

  • imahfu

    05 Novembre 2014 - 18:06

    Renzi, sbattilo via , mandalo da Ruby, dalla Polanco dallla D'ìAddario o dalle olgettine. Non serve ad altro di buono.

    Report

    Rispondi

    • arwen

      06 Novembre 2014 - 11:11

      E secondo te xchè, invece, Renzi continua ad andare d'amore e d'accordo con il vecchio priapico? Xchè il suo appoggio, diciamo, occulto, gli permette di governare. Smettetela con l'antiberlusconismo di maniera e cercate di rendervi conto che questi tizi sono tutti uguali. In cosa, infatti, la politica di Renzi si discosta da quella del berlusca? In fondo, poi, anche Renzi ha le sue "olgettine"....

      Report

      Rispondi

  • soleados

    05 Novembre 2014 - 17:05

    non vi volete mettere in testa che non piu' piu' cavaliere ma solo pregiudicato ancora inquisito...e' cosi' che lo considerano in Europa.... certo siete padri di famiglia e dovete vivere con lo stipendio che il pregiudicato vi da...

    Report

    Rispondi

  • leolucalabozzet

    05 Novembre 2014 - 17:05

    Parlano,parlano mentre le tasse aumentano , i disoccupati pure, gli over 45 respinti perché costano troppo,i giovani non trovano lavoro perché non ce n’è,i clandestini aumentano; assistiamo invece al palleggiamento del Matteo con la Trojka e purtroppo con chi spera nelle riforme che nulla di ciò risolverebbero Voto si voto no, a che scopo se viene sempre disatteso?L'esasperazione è al culmine!

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      06 Novembre 2014 - 17:05

      guarda che senz'altro, qualche ora di silenzio ci sarà stata, nell'arco di 24 ore: pensa solo a quante sonomentre dormono! Eppure nemmeno durante quelle ore sono diminuiti i disoccupati, gli over 45 sono stati assunti ed i clandestini sono diminuiti. Visto che tu hai la soluzione, perché non ce la illustri?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog