Cerca

L'annuncio delle dimissioni

Su Il Mattinale tutte le critiche a Giorgio Napolitano

Su Il Mattinale tutte le critiche a Giorgio Napolitano

“Papa Benedetto non ha annunciato le dimissioni: le ha date: E dire che non c’erano precedenti”. Comincia così, durissimo Il Mattinale (la nota politica a cura del gruppo di Forza Italia alla Camera). IL riferimento è ovviamente alle annunciate dimissioni di Giorgio Napolitano. “La salute, l’età, la stanchezza. Motivi su cui a nessuno è permesso sindacare o eccepire. Ci sono questioni che un uomo – qualunque sia la sua responsabilità- deve valutare nel foro della sua coscienza.- Senza interferenze. Ma perché Napolitano interferisce sulle scelte di altre coscienze ugualmente degne?”. E ancora, si legge nel Mattinale: “In quale articolo della Costituzione è scritto che il Presidente della Repubblica può esercitare una pressione sui tempi e sui temi dell’azione del governo e il lavoro del Parlamento in funzione del proprio monumento a cava,lo?” Un attacco pesante alla notizia che il presidente della Repubblica intende lasciare il Colle entro la fine dell’anno.

L'editoriale di Sallusti - Un attacco che trova eco anche nell’editoriale di Alessandro Sallusti, direttore de Il Giornale: “Noi non ci uniamo al coro dei rammaricati perché consideriamo Napolitano un pessimo uno dei peggiori presidenti della Repubblica con una faziosità forse seconda solo a quella di Oscar Luigi Scalfaro. Del resto, ci sarà un motivo se Forza Italia si rifiutò di non votarlo alla prima elezione. Napolitano ha ricambiato la cortesia facendo di tutto e di più per ostacolare i govberni di centrodestra si con atti ufficiali che dietro le quinte”. Sallusti sottolinea come Napolitano (e cita i cati Fini, Monti e Letta-Alfano) “sia andato ben oltre i suoi compiti e limiti stabiliti dalla costituzione e ha lasciato che i magistrati si avventassero come belve contro Silvio Berlusconi, premier in carica nonché leader di un partito di maggioranza relativa”. Poi la chiusura sferzante. “La sua popolarità è ai minimi storici meglio ritirarsi prima che qualcuno gli chieda di accomodarsi alla porta. Nessun rimpianto, di danni ne ha già fatti abbastanza”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • linhof

    10 Novembre 2014 - 22:10

    Se ne vuole andare anche perché legge, scusate, si fa leggere dai servizi segreti (deviati) gli interventi degli italiani, ne guagliò c'ha se mette male, mò me ne vago, ma a me che me ne fotte?

    Report

    Rispondi

  • linhof

    10 Novembre 2014 - 22:10

    Dopo aver perseguitato il paese e non sapendo più quale coglione imporci, scappa a pannolone levato, che pena che fa!

    Report

    Rispondi

  • linhof

    10 Novembre 2014 - 22:10

    Dopo aver perseguitato il paese e non sapendo più quale coglione imporci, scappa a pannolone levato, che pena che fa!

    Report

    Rispondi

  • linhof

    10 Novembre 2014 - 22:10

    Ha rovinato il paese per perseguitare Berlusconi e non ne ha tratto nessun beneficio, neppure per un omminicchio quale è lui.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog