Cerca

A Otto e mezzo

Quirinale, Massimo D'Alema: "Non candiderà mai me, lui punta su quelli fedeli"

Quirinale, Massimo D'Alema: "Non candiderà mai me, lui punta su quelli fedeli"

"Non mi sento candidato a nulla, non sono nelle grazie di Matteo Renzi". Ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzoMassimo D'Alema nasconde a fatica sotto i baffi la stizza per come si stanno mettendo le cose al Quirinale. L'annuncio ufficioso delle dimissioni di Giorgio Napolitano (la data più probabile è il 31 dicembre, con possibile staffetta di 15 giorni affidata al presidente del Senato Pietro Grasso) ha aperto con buon anticipo il toto-Colle. Sebbene i bookmaker considerino l'ex premier tra i papabili, lo stesso D'Alema sa che le sue speranze di venire eletto capo dello Stato sono al lumicino. "Renzi punta sulle persone fedeli, io sono abituato a pensare con la mia testa", è la stoccata che parte con destinatario il premier. E forse non è un caso che uno dei favoriti sia quel Walter Veltroni compagno di avventura (e di veleni incrociati) di D'Alema ma che rispetto a lui con Renzi e il nuovo corso del Pd è stato molto più morbido, defilato se non conciliante. Il professore Romano Prodi, già silurato nel 2013, sembrerebbe intenzionato a tirarsi fuori: ci sarà da fidarsi?

"Quel feeling tra Renzi e Berlusconi" - "I presidenti che scelsi io furono di prim'ordine: Ciampi e Napolitano. Mi auguro si faccia altrettanto", è l'auspicio di D'Alema che teme il Patto del Nazareno ma soprattutto il rapporto "blindato" tra Renzi e Silvio Berlusconi. "In Italia è a rischio l'alternanza, Berlusconi si è innamorato di Renzi, c'è molto feeling". Il corsivista del Corriere della Sera Beppe Severgnini lo stuzzica: "Un po' come con lei, qualche anno fa. Quando il Cavaliere è in difficoltà fa come i pugili, abbraccia gli avversari". "No, qua è diverso - replica D'Alema -, con Renzi c'è feeling vero. Berlusconi lo apprezza e Renzi ha con lui un rapporto preferenziale". Che è un po' un'ipoteca sul voto per il Quirinale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • due protti

    18 Novembre 2014 - 12:12

    Qual'é lo spessore umano e politico di questa persona per ambire alla massima carica dello Stato? Se non era per i giochi di palazzo non sarebbe mai diventato presidente del Consiglio!

    Report

    Rispondi

  • Sogno48

    11 Novembre 2014 - 17:05

    Purtroppo ci troveremo candidato qualche personaggio da cinquant'anni in politica, al di la delle competenze ed effettive capacità a svolgere questo ruolo. Il più delle volte abbiamo avuto presidenti anonimi e deludenti messi su quello scranno non per merito ma per comodo dei vari partiti, buoni solo a non disturbare i lavori in corso. Elezione diretta del Capo dello Stato.

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    11 Novembre 2014 - 17:05

    ER CIPOLLA for president.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    11 Novembre 2014 - 14:02

    non candidare D'alema, e tutti i maledetti vecchi come lui, non è SCELTA per Renzi Ma DOVERE di Renzi a non tirare ''addosso al popolo italiano'', del quale lui ha solo un 20% di consensi sul Totale degli Aventi Diritto al Voto, UN CANCRO ULTRADECENNALE COLPEVOLE IN QUOTA PARTE DELLA DISTRUZIONE DEL PAESE E DELLA SOCIETA' CIVILE... teniamo l'Attenzione sulla Dea Ragione, non sulle FISIME.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog