Cerca

L'uscita

La voce su Giorgio Napolitano: "Si dimetterà il 20 gennaio"

La voce su Giorgio Napolitano: "Si dimetterà il 20 gennaio"

Il 20 gennaio 2015. E' questa la data che in cui Giorgio Napolitano potrebbe dimettersi dalla carica di presidente della Repubblica. Nonostante le pressioni di Renzi perché resti al Colle, Re Giorgio, secondo le indiscrezioni raccontate da il Giornale, avrebbe deciso di mollare tutto all'inizio del nuovo anno. Niente tempi supplementari dunque. La road map verso l'uscita di scena prevede la conclusione del semestre italiano di presidenza europea, incontro verso il 20 dicembre con le alte cariche della Repubblica per il rituale scambio di auguri, discorso di Capodanno agli italiani con preannuncio in diretta della sua uscita di scena per comprensibili motivi di età e di ‘insostenibilità ‘ fisica del ruolo. Poi, dopo la Befana, le procedure formali e la firma della rinuncia al mandato presidenziale. Dal Quirinale per il momento smentiscono la data ma anche che il capo dello Stato abbia preso una decisione. Ma questa appare come una mossa tattica. Annunciare in anticipo di voler lasciare il Colle significa dare una scadenza al mandato, depotenziare la sua figura, aprire di fatto una specie di ‘bimestre bianco ‘. Invece, come c'è scritto nella nota diffusa domenica scorsa, il presidente intende mantenere fino all'ultimo giorno i suoi poteri e le sue prerogative”. Insomma a quanto pare all'addio al Colle manca poco. Ed ora è già scattata la corsa per la sua successione. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Napolionesta

    18 Novembre 2014 - 16:04

    Ma e`sicuro di arrivarci al 20 Gennaio? , ma va`a ca...re. Un Italiano in Germania.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    18 Novembre 2014 - 13:01

    L'attuale Capo dello Stato vuole regalare all'Italia questo ennesimo problema della sua successione. Se realmente avesse a cuore le sorti dell'Italia, prima scioglierebbe le camere e poi si potrebbe dimettere. Così, almeno, a scegliere il nuovo Presidente sarebbe il nuovo Parlamento. Sembra quasi una vendetta, o, meglio, una ripicca.D'altra parte cosa aspettarsi da una persona così anziana???

    Report

    Rispondi

  • encol

    18 Novembre 2014 - 08:08

    Intanto ci ha rifilato 3 governi farlocchi uno peggio dell'altro -

    Report

    Rispondi

  • antonio24

    14 Novembre 2014 - 09:09

    finalmente il 20 gennaio p.v.per l'italia sarà un giorno da ricordarsi come una liberazione dal nonno ring......e sarà festa grande per il nano detenuto che sperava di avere l grazia:il non dargliela è stata l'unica cosa buona che ha fatto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog