Cerca

Giochini erotici

Sextoy a spese nostre, parla l'ex collaboratore del Pd: "E' colpa mia. Per uno scherzo ho perso il lavoro"

Rita Moriconi

Il caso del sextoy che la consigliera regionale del Pd, Rita Moriconi, si è fatto rimborsare tiene banco ormai da giorni. Adesso, a prendersi le colpe è Rosario Genovese, collaboratore del gruppo Pd in Emilia Romagna, che spiega di essere l'acquirente del "giochetto" sessuale, poi finito - appunto - nelle spese da rimborsare a nome della Moriconi. Ai microfoni di Radio24, Genovese spiega che cosa è accaduto. E si sfoga. "Sono stato io - rivela a La Zanzara - e ho fatto una cazzata, un errore madornale e gravissimo. Con tutti gli scontrini che avevo in tasca mentre preparavo i rimborsi è finito dentro, probabilmente non c’era scritto sexyshop sopra. Poi è stato anche conteggiato due volte. Doppia cazzata. Per di più da oggi sono disoccupato, mi dovrò cercare un nuovo lavoro. Nell’azienda di trasporti dove lavoravo non era possibile andare avanti, troppo imbarazzo per la storia del sex toy", commenta amareggiato l'ex collaboratore Pd.

"Non era per me" - "Tutti parlano del vibratore - continua Genovese - ma non era un vibratore. Sono passati quattro anni, non ricordo più. Forse delle palline, un frustino, delle manette. Non una cosa sola, più cose. Sicuramente - ribadisce - non un vibratore". Rosario Genovese rivela poi che l'acquisto era uno scherzo per un amico. Quando gli si fa notare che la ricostruzione potrebbe sembrare poco credibile, lui risponde così: "Io non faccio uso di sex toys, mia moglie ne ha abbastanza di me. Bastiamo noi due. Era un regalo di compleanno per un amico". L'ex collaboratore del Partito Democratico, come ha lasciato intendere, ha perso il suo lavoro in seguito all'ammissione di colpa. Così, oggi, rincara: "Se avessi comprato un mazzo di fiori probabilmente mi avrebbero offerto un posto di lavoro. Invece ora sono disoccupato".

La vicenda - Il fatto risale al 2010 quando, il 29 novembre l'oggetto erotico era stato acquistato alla Bis srl di Reggio Emilia. Il sextoy è stato poi rimborsato per due volte, per un totale di 167 euro: una prima volta è stata allegata alla spesa la ricevuta del pagamento bancomat, senza però il documento fiscale; la seconda volta è stato allegato solo il documento fiscale. Il 10 novembre 2014 la procura di Bologna ha notificato 42 avvisi di fine indagine, nell’ambito dell’inchiesta "spese pazze" che riguardava consiglieri regionali di tutto l’arco politico (in carica tra il giugno 2010 e il dicembre 2011). Tra gli indagati anche la consigliera Moriconi, alla quale i magistrati chiedono chiarimenti su 17.521 euro, di cui 6.600 in ristoranti e 4.500 in ricariche telefoniche. La spesa del sex toy fa parte di questa somma contestata al gruppo consiliare del Pd dalla procura di Bologna che ammonta, in totale, a oltre 1,1 milioni di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolino pierino

    15 Novembre 2014 - 20:08

    Certo che non era un vibratore ma un uccello senza le ali prova succhio. Essendo le ministre veline del PD con capo l'Evita del Peronista Matteo premier con laurea in succhi Elena Boschi.Come affermato sui media dalla Moretti siamo esperte in pompini, brutta parola meglio chiamarli esperte in succhi non gastrici ma umani. Si esercitano per migliorare con attrezzi idonei acquistati ai Sexi Shop

    Report

    Rispondi

  • humphrey

    14 Novembre 2014 - 16:04

    Secondo voi si può andare avanti così ?

    Report

    Rispondi

  • BrunoTomasich

    14 Novembre 2014 - 10:10

    Ha perso il lavoro! Si può consolare col Jobs act preso al sexi schop di Matteo!

    Report

    Rispondi

  • alvit

    14 Novembre 2014 - 09:09

    da buon sinistro, il viratore gli serviva per far gioire i vari gay della sezione democratica (komunista) della città. Sapete, loro, per poi far approvare le leggi dei diversi, i sodomiti, prima di farlo, vogliono provare cosa può farli gioire. E' una vergogna tutto questo, sia di dx che sx, ma ciò che fa più ribrezzo, è che la sinistra, vuol farci credere di essere pura e senza peccato. Ladroni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog