Cerca

Fronda azzurra

Forza Italia, ecco cosa è disposto a lasciare Berlusconi a Fitto

Forza Italia, ecco cosa è disposto a lasciare Berlusconi a Fitto

Giovedì prossimo Raffaele Fitto sarà ospite a colazione a Palazzo Grazioli per quello che è atteso come il redde rationem del riavvicinamento tra il leader della fronda azzurra e il numero uno del partito Silvio Berlusconi, avviato tre giorni fa nella segreria di Forza Italia che ha preceduto l'incontro tra il Cav e Matteo Renzi. Per quella data, giovedì, l'ex governatore pugliese si aspetta di trovare nel piatto una pietanza sostanziosa. E, secondo quanto riporta oggi il quotidiano La Repubblica, Berlusconi sarebbe disposto a cedergli la sovranità su un terzo del partito: la guida (ovvero il coordinamento) dell'ufficio esecutivo, sorta di governo interno del partito, con la partecipazione alla scelta dei coordinatori regionali  meridionali e del 30 per cento dei candidati alle politiche. Berlusconi, sempre secondo repubblica, avrebbe lavorato a questa "cessione" parziale del controllo sulla sua creatura a partire da ieri, insieme a Denis Verdini: il risultato di questo lavoro sarebbe appunto la creazione di un ufficio esecutivo presieduto sì da Berlusconi, ma con Fitto coordinatore; e un nuovo ufficio di presidenza composto per metà da nominati dal Cavaliere e per metà eletto dai parlamentari forzisti.

Fitto, però, avrebbe altri piani da portare al desco di Palazzo Grazioli. I tre fedelissimi Daniele Capezzone, Francesco paolo Sisto e Saverio Romano proporranno una due giorni con elettori e simpatizzanti su tutto il territorio nazionale per eleggere i coordinatori locali e i delegati ai congressi regionali e nazionale. al vertice sì un ufficio esecutivo, ma composto da cinque membri che di fatto si occupino dell'intera attività del partito: elezioni, organizzazione, enti locali, formazione e coordinamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruscoloni

    bruscoloni

    15 Novembre 2014 - 14:02

    Cosa è disposto a lasciare? Ma, i debiti! Morti di sonno

    Report

    Rispondi

  • Chry

    15 Novembre 2014 - 03:03

    Come fa Fitto a guardare negli occhi uno che pagava una ragazzina per andarci a letto...

    Report

    Rispondi

  • Italotrend

    14 Novembre 2014 - 22:10

    Ancora fronde? Il centrodestra non si da pace. Invece dovrebbero unirsi, ci sono personalità come Tremonti che potrebbero essere valide alternative a Renzi, molto credibili con l'elettorato, così Renzi governa vent'anni.

    Report

    Rispondi

    • Chry

      15 Novembre 2014 - 05:05

      Tremonti??? quello indagato per una tangente di Finmeccanica? Quel Tremonti, che Silvio non sopporta?

      Report

      Rispondi

  • pinodipino

    14 Novembre 2014 - 20:08

    Beh questa idea di frazionare il partito in quote non è male, diavolo di un SILVIO ne inventa sempre una. Quindi ricapitolando un 33% lo da a Fitto un 15% lo potrebbe dare alla Santanche' un 18% ad Alfano il 10% a Brunetta è così a lui rimarrebbe ancora un 24% e si ricompatterebbe il partito a meno che anche Romani e Verdini non vogliano una percentuale allora si complicherebbe tutto!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog