Cerca

Scacchiere azzurro

Forza Italia, Paolo Romani lascia la commissione Affari costituzionali, arriva un fittiano

Forza Italia, Paolo Romani lascia la commissione Affari costituzionali, arriva un fittiano

Dopo l'armistizio, cominciano le grandi manovre. Dentro Forza Italia inizia il giro di poltrone per sedare la rivolta dei fittiani e tenere unito il partito. A pochi giorni dal nuovo incontro Berlusconi- Fitto, il capogruppo al Senato Paolo Romani lascia a sorpresa la commissione Affari costituzionali, nonostante sia tra i massimi esperti della legge elettorale che proprio ora approda a Palazzo Madama per la seconda lettura. In commissione, da uomo vicinissimo al capo, aveva condotto tutte le trattative col Pd anche sulla riforma del Senato. Passa alla commissione Esteri, il suo posto è stato già preso in queste ore dal “fittiano” e pugliese Francesco Bruni. Un cambio della guardia avvenuto in silenzio. 

Giro di poltrone - L’operazione, come racconta Repubblica, è partita, dunque, ma i nuovi organigrammi ai quali sta lavorando Verdini anticipati ieri da questo giornale) hanno fatto insorgere gli esponenti di punta del cerchio magico berlusconiano. In testa, Maria Rosaria Rossi. Ma da Giovanni Toti a Niccolò Ghedini, sono tanti altri i dirigenti di prima fila che vedono come fumo negli occhi le aperture a beneficio dell’eurodeputato e dei suoi uomini. Il piano dei forzisti della linea dura è quello di scaricare ogni responsabilità e attribuire a Verdini il progetto del nuovo ufficio esecutivo con una dozzina di componenti che proprio Fitto potrebbe guidare, per completare la "pacificazione" interna. Una tregua che per il momento appare davvero lontana. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • contenextus

    16 Novembre 2014 - 09:09

    E chi se ne frega. Forza italia è morta. Consiste in un gruppo costituito per incassare salari, prebende varie da parte dello stato. Per quel che riescono anche loro comandano e fottono.

    Report

    Rispondi

  • MarcoRossi1

    16 Novembre 2014 - 09:09

    Berlusconi fuori dalle palle. Largo a Salvini,e la Meloni ( Lega e Fratelli d'Italia). Questi si occupano dei veri problemi della gente non la mummia di Arcore ( a lui frega solo dei propri interessi ). Via clandestini, rom ,finti rifugiati politici e richiedenti asilo che sono il carburante con cui si alimenta la sinistra i centri sociali e le cooperative rosse di assistenza. Siamo incazzati ììì

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    15 Novembre 2014 - 18:06

    non mi pongo più il problema di FI intanto voto per Salvini...FI andrà a rotoli...Berlusconi con il suo ego non si accorge che è dai tempi del suo ok all'attacco a Gheddafi che sta crollando lui e FI...ora è al 12% però la Ghisleri gli dice il 15%..ha fallito...l'errore madornale fu nel novembre 2011 dove si arrese in silenzio senza chiamare alle decisione i suoi 13 milioni di elettori.

    Report

    Rispondi

  • vanni44

    15 Novembre 2014 - 16:04

    Ma ! sono sempre più perplesso !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog