Cerca

L'ideologo spara

M5s, Paolo Becchi contro Beppe Grillo: "Ti comporti da dilettante e il Movimento crolla"

M5s, Paolo Becchi contro Beppe Grillo: "Ti comporti da dilettante e il Movimento crolla"

"Se la prospettiva è il crollo, allora è bene sapere che per il Movimento Cinque Stelle questa non sarà una decrescita felice": dalle colonne del Messaggero, è Paolo Becchi, "ideologo" del movimento grillino, a lanciare l'allarme sulla sopravvivenza del movimento. E secondo Becchi, il responsabile ha un nome e un cognome: "Beppe Grillo certe volte si muove come un dilettante, proprio non lo capisco".

Gli episodi - "Dopo l'alluvione è tornato a Genova - ricorda Becchi - ma invece di presentarsi con gli stivaloni e con la pala, come avrebbe dovuto fare, è sceso da Sant'Ilario in scooter! Anche mio figlio, che ha 17 anni, quando lo ha visto arrivare in quel modo si è indignato, mica ci volevano gli angeli del fango... Se ha scelto di andarci, non doveva comportarsi come un politico qualsiasi". Paolo Becchi condanna anche l'episodio avvenuto a Bruxelles, con la lite tra Grillo e un giornalista che voleva fargli una domanda: "Se non voleva rispondere, perché ha indetto la conferenza? Nessuno lo obbligava. Chissà chi lo consiglia". E poi c'è la denuncia, presentata in procura, contro il patto del Nazareno. "Sul web stanno ancora ridendo. Che senso aveva fare quella denuncia? Ora hanno aperto un fascicolo e un procedimento contro ignoti: ma Renzi e Berlusconi sono ignoti? Mi hanno raccontato che in procura si rideva a crepapelle..."

Le elezioni regionali - Domenica prossima, in Emilia Romagna e Calabria, si voterà per le elezioni regionali, ma Becchi è decisamente scettico sulle possibilità del movimento grillino. "Non ci si rende conto che se alle regionali prenderemo percentuali da prefisso telefonico, come è già successo alle comunali di Reggio Calabria, per noi questo significherà il crollo". E lo stesso Grillo, secondo indiscrezioni, non parteciperà ai comizi di chiusura delle campagne elettorali dei candidati, Giulia Gibertoni in Emilia e Nuccio Cantelmi in Calabria: secondo Becchi, "si è stancato, o vuole passare la mano a qualcun altro. Un capo politico di un movimento, non può rendersi conto che la sua presenza può valere anche due o tre punti: sono percentuali che fanno la differenza. Sarà un test importante, ma piuttosto che fare figuracce ci si poteva comportare come in Sardegna, quando alle scorse regionali si è deciso di non partecipare". "Sarebbe assurdo - conclude Becchi - che mentre in Inghilterra cresce Farage, in Francia Marine Le Pen e qui la Lega, Grillo crollasse. Ma a livello nazionale vedo grosse difficoltà".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruscoloni

    bruscoloni

    18 Novembre 2014 - 14:02

    Se proprio non lo capisce lui che è professore, chi dovrebbe capirlo?

    Report

    Rispondi

  • fatti neri

    17 Novembre 2014 - 15:03

    ma becchi di che si stupisce? per due volte consecutive il m5s ha disertato la responsabilità di governo! il m5s è nato sul web per illudere il popolo, tanto che grillo si impegna per perdere consenso. al dunque chi li vota è un ignorante della politica o uno smemorato incurabile!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • contenextus

    17 Novembre 2014 - 10:10

    Becchi, con tutte le distinzioni e differenze del caso sia per statura culturale ed ideale che per brillantezza intellettuale, è destinato alla fine che bossi riservò al Prof.Miglio.

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    17 Novembre 2014 - 09:09

    Altro che dilettante. Non è assolutamente credibile...

    Report

    Rispondi

blog