Cerca

Lega addio

Salvini cambia simbolo per conquistare il Sud

Salvini cambia simbolo per conquistare il Sud

Un nuovo simbolo, una carta dei valori, un progetto diverso, più nazionalista, e l'addio alla secessione, alla Padania. Così Matteo Salvini sta preparando la conquista del Sud. Le bozze del nuovo simbolo, scrive il Giornale, sono già allo studio. Dopo le elezioni regionali in Emilia Romagna dove la Lega aspira a diventare il terzo partito, Salvini presenterà il nuovo movimento che non sarà più "nordista". Si chiamerà molto probabilmente "Il popolo con Salvini", "Noi con Salvini". Perché il nome Salvini, dicono i sondaggisti, è più forte rispetto a "Lega Nord". 

Insomma, il leader Salvini, per conquistare consensi anche da Roma in giù abbandona la Lega e costruisce un progetto diverso che si richiama più al Front national di Marine Le Pen, dove i cavalli di battaglia sono la campagna no euro, la lotta all'immigrazione clandestina, la riduzione delle tasse. Proprio sul tema della pressione fiscale, Salvini il 13 dicembre ospiterà l'economista americano Alvin Rabushka, teorico della flat tax, l'aliquota piatta al 25%. Una rivoluzione,  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • white warrior

    20 Novembre 2014 - 01:01

    A Sinistra sono così. Voti FI, oh, no! Meglio i fascisti, almeno, loro... (loro, che?) Meglio l'Udc, neo-Dc, cara vecchia Dc! (dimenticando carinerie come: DC=mafia)... O la Lega, che è popolana! (per fare pendant con la Boldrini di là da venire)... Ora, B. è alle corde e allora: fascisti? No! Leghisti? Nisba! Per chi dovremmo votare, per Alfano? Mettetelo in lista col Pd e poi... Votatevelo voi.

    Report

    Rispondi

  • nino.venuti44av

    19 Novembre 2014 - 23:11

    Sono un uomo del Sud, (Siciliano) Salvini, potrebbe avere tanti consensi, continuando la propria sensibilità per il sociale. Noi del Sud, ( tra senza occupazione alluvionati incapienti poveri e altro facciamo il 50% circa) non sentiamo parlare di politiche semplici e realizzabili, da tempo. Tasse flat, immigrati, case popolari, infrastrutture necessarie DIGNITÀ. Ti aspetto antonino

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    19 Novembre 2014 - 18:06

    Salvini chi? forse quello che, dovendo andare ad Edinburgo per il referendum scozzese, si è confuso con Strasburgo, San Pietroburgo, Friburgo, Magdeburgo, il Limburgo? Siamo (siete!!!) messi bene

    Report

    Rispondi

  • white warrior

    19 Novembre 2014 - 18:06

    Ho deciso da tempo, da ex forzista, di dare credito e voto a un Partito che ha assunto un programma nazionale e ha alla base un federalismo che, vivendo in una Regione a statuto speciale, non saprei come negare a veneti e campani, piemontesi e laziali, ecc... Il tutto va ripensato, ma solo la Lega e Salvini difendono il made in Italy in tutte le sue espressioni contro un'Ue nemica dei popoli.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog