Cerca

Il caso

Caso Storace: le frasi a Napolitano per cui è stato condannato per vilipendio

Caso Storace: le frasi a Napolitano per cui è stato condannato per vilipendio

Francesco Storace è stato condannato a 6 mesi (con sospensione della pena) per vilipendio contro il Capo dello Stato. I fatti risalgono al 2007, quando il presidente Napolitano aveva condannato con parole di grande indignazione una "goliardata" de La destra spedire alla 98enne senatrice a vita Rita Levi Montalcini delle stampelle, per "sostenerla fisicamente" e come simbolo del fatto che quella maggioranza, a sostegno del secondo governo Prodi, si reggeva "solo con le stampelle dei senatori a vita". "Mancare di rispetto, tentare di intimidire la professoressa Rita Levi Montalcini, che ha fatto tanto onore all'Italia, è semplicemente indegno" aveva tuonato Napolitano in difesa della senatrice premio Nobel, che aveva già provveduto a difendersi da sola con una lettera a Repubblica.

Le parole incriminate - La risposta di Storace non si fece attendere: "Non so se devo temere l'arrivo dei corazzieri a difesa di Villa Arzilla, ma una cosa è certa: Giorgio Napolitano non ha alcun titolo per distribuire patenti etiche. Per disdicevole storia personale, per palese e nepotistica condizione familiare, per evidente faziosità istituzionale. E' indegno di una carica usurpata a maggioranza". E ancora: "Napolitano la smetta di soccorrere un governo moribondo a difesa di una signora talmente importante che anche quest'anno, come ha ricordato ieri il presidente Calderoli, costerà tre milioni di euro agli italiani. Nobel o no, i ricatti si chiamano ricatti e i voti dei senatori a vita restano politicamente immorali. Come diceva fino a poco tempo fa un signore che la memoria l'ha persa a poco più di 55 anni". Fu il ministro della Giustizia Clemente Mastella a dare il via libera al procedimento giudiziario contro il senatore de La Destra. Il Guardasigilli, in una nota ministeriale, non aveva mancato di sottolineare che "gli apprezzamenti offensivi" di Storace andavano "ben oltre il diritto di critica".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    23 Novembre 2014 - 11:11

    Starace offenda i suoi ma non un Presidente che , secondo la massima legge italiana, rappresenta il nostr paese e il nostro popolo. Più in basso di così, cade solo Feltri, il leghista-fascistone.

    Report

    Rispondi

    • rinogioffre

      24 Novembre 2014 - 19:07

      Bel commento da leccacu...

      Report

      Rispondi

  • routier

    22 Novembre 2014 - 18:06

    Nella "querelle" Storace / Napolitano, è il primo ad uscirne vincitore. Con buona pace del "Torquemada" di turno

    Report

    Rispondi

  • ego1

    22 Novembre 2014 - 11:11

    per carlooliani che scrive ""giudici fascisti"-----------Erroreeeee: diconsi giudici COMUNISTI.

    Report

    Rispondi

  • airbaltic

    22 Novembre 2014 - 09:09

    Uno come Mastella è da condannare a prescindere. da ministro giustizia si interessava del negazionismo-seconda guerra mondiale. Passava piu' tempo a porta a porta che al ministero . Appena parlava da vespa si vantava di quanto era furbo con le sue clientele. Risultato finale : mastella è sato assolto e storace condannato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog