Cerca

Il progetto

Rai, la rivoluzione di Viale Mazzini: canone nell'Irpef

Rai, la rivoluzione di Viale Mazzini: canone nell'Irpef

Una vera e propria rivoluzione in Rai. Una rivoluzione che  si realizzerà in poche settimana con un provvedimento del governo. Un cambiamento che avrà ripercussioni anche sull’utente che vedrà cambiare anche la quata del canone. Allo studio, oltre all’ipotesi di metterlo in bolletta, c’è anche quello in di inserirlo nella dichiarazione dei redditi.

Bolletta - Per ora l’idea prevalente è quello di inserire il Canone Rai (che ammontava a 113,50 euro da pagare entro il 31 gennaio del 2014) nella bolletta dell’energia elettrica. Lo strumento sarà un emendamento alla legge di stabilità in Senato, in modo da rendere operativa la svolta fin dal gennaio 2015. La vera grande novità sarà l’importo: 65 euro che sarà possibile pagare diluendo la cifra nelle bollette. Con questo sistema si vuole combattere l’evasione stimata in 600milioni di euro ogni anni. Tutti pagheranno: i proprietari di casa pagheranno due volte.Se però questo progetto dovesse incontrare degli ostacoli in Parlamento, esistono già due strade alternative: la prima è l’inserimento della bolletta elettrica nella dichiarazione dei redditi; la seconda è l’invio del bollettino per il pagamento del canone in abbinata (ma distinto) con la bolletta elettrica.

Il vertice - La rivoluzione riguarda anche la governance di viale Mazzini. Sparisce il direttore generale perché l’azienda sarà guidata da un amministratore delegato, con tutti i poteri dell’ad di una società privata. Il progetto al momento prevede che venga proposto dall’azionista di maggioranza, dunque dal ministero del Tesoro per poi essere approvato dal cda (il governo lo prefe- rirebbe) o dal Parlamento. Il Consiglio di amministrazione passa dagli attuali nove a cinque componenti. Il Parlamento eleggerà i consiglieri. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tonino1209

    24 Novembre 2014 - 14:02

    Pretesa governativa illegittima!!!!!!!! Vedremo come si comporterà la magistratura con tutti i ricorsi che ci saranno. Speriamo che almeno quest'ultima non sia di parte.

    Report

    Rispondi

  • bombaci

    23 Novembre 2014 - 11:11

    1)Quando si esaspera si creano killer e finisce male per tutti.Ricordate Douglas in"Un giorno di ordinaria follia"?Pensate a decine di milioni esasperati da tasse,vessazioni,ruberie ed immigrazione selvaggia 2)Quando libertà personale diventa libertà di vessare il prossimo facendo i cazzi propri a spese di quest'ultimo,a lungo andare il prossimo si rompe i coglioni davvero e finisce male per tutti

    Report

    Rispondi

  • acstar

    23 Novembre 2014 - 10:10

    Che bello : avremo la scusa per mandare a casa Renzi come ci sono già andati, a causa delle troppe cavolate perpetrate contro la popolazione, Prodi, Berlusconi, Monti, Letta e Amato! Ma siamo matti a foraggiare per legge una massa di fannulloni falliti ? Si guadagnassero la pagnotta invece di farsi dare privilegi!

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    23 Novembre 2014 - 10:10

    nell'irpef è proprio impensabile. se due coniugi lavorano pagano il canone entrambi? E se un figlio lavora e sta a casa con i genitori paga anche lui? l'unica soluzione giusta sarebbe l'abbonamento e l'oscuramento per chi non paga

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog