Cerca

Il voto in Emilia Romagna e Calabria

Regionali, Berlusconi sotto attacco azzurro: "Autostrade aperte per Salvini"

Regionali, Berlusconi sotto attacco azzurro: "Autostrade aperte per Salvini"

Risveglio amaro questa mattina per Silvio Berlusconi. Le amministrative dell'Emilia Romagna e della Calabria non solo "hanno una ricaduta a livello nazionale", come lo stesso Cav aveva preannunciato prima del voto, ma soprattutto avranno delle conseguenze all'interno del suo partito tanto più con il clamoroso risultato della Lega che ha doppiato abbondantemente Forza Italia. Del resto da settimane tra gli azzurri sono aumentati i malumori sul patto del Nazareno che, a loro dire, avrebbe lasciato "autostrade" a Matteo Salvini per la sua rincorsa. Obiezioni alle quali Berlusconi respinge con forza: "Paghiamo la nostra disponibilità a fare le riforme, mentre la Lega poteva muoversi come voleva. Lo sapevamo", avrebbe detto il Cav secondo il retroscena del Corsera. E ancora: "A differenza degli altri non sono potuto andare in tivù a parlare".

Maldipancia - Parole che non convincono i dissidenti, Raffaele Fitto in primis: mugugnano sul quel "processo di democratizzazione dal basso" mai cominciato; recriminano "abbiamo dato tutto, anche il candidato presidente in Emilia", reputano un "errore" la rottura dell'alleanza con Ncd in Calabria. A difendere le ragioni del leader azzurro ci pensa Deborah Bergamini che parla di "analisi strumentali". "Queste elezioni erano scontate", dice al Corsera. "Le alleanze si fanno con chi ci sta e con chi porta valore aggiunto". Da parte sua Giovanni Toti, consigliere politico di Forza Italia, rivendica il ruolo di opposizione e promette, come del resto lo stesso Cav, nuovi attacchi al "diluvio fiscale" di Matteo Renzi. Ma sono parole. E gli elettori vogliono fatti.

L'idea di Fitto - Da parte sua Fitto vorrebbe azzerare tutte le nomine in Forza Italia. "Mi auguro che nessuno si azzardi a minimizzare o a cercare alibi per il nostro drammatico risultato in Calabria e in Emilia Romagna, regione in cui siamo stati addirittura doppiati dalla Lega", scrive sul suo blog. "E sarà bene ricordare, passo dopo passo, tempi e modalità delle scelte che sono state compiute - con clamorosi errori - per definire le candidature e le alleanze". "Non abbiamo il diritto di nasconderci dietro l’astensione, che colpisce soprattutto noi, aggravando la tendenza già manifestatasi alle Europee", aggiunge Fitto. "Dalle Europee a oggi, abbiamo perso 6 mesi. Che dovevano servire (come proposto da tanti di noi) sia per un serio rilancio sui contenuti, sia per un rinnovamento interno guidato dal coinvolgimento dei cittadini e dal superamento del metodo antistorico delle nomine e delle cooptazioni. A questo punto, mi pare il minimo azzerare tutte le nomine, per dare il via a una fase di vero rinnovamento". "Non ha senso, è perfino incomprensibile la mortificazione umana e politica degli attuali deputati e senatori: da giorni tutti gli organi di informazione, senza alcuna smentita, accreditano la tesi della disistima da parte del presidente Berlusconi per i suoi parlamentari", continua Fitto.  "Così come il problema non è certo il coinvolgimento e la selezione di 25 giovani: ne servono, semmai, 250 o 2500... Ma tutti (giovani e non) devono essere scelti democraticamente, dopo una corsa basata sulle idee e sul consenso, portando nel nostro movimento le regole elementari di competizione e sfida proprie dei grandi partiti delle democrazie anglosassoni, per fare un solo esempio". Quindi "basta con le nomine. Basta con i gruppi autoreferenziali che hanno determinato in questi mesi una politica e una comunicazione inefficaci e prive di qualunque credibilità, bocciate senza appello dai nostri elettori. E soprattutto basta con una linea politica incomprensibile, ambigua, che oscilla tra l’appiattimento assoluto verso il Governo nei giorni pari, e gli insulti al Governo nei giorni dispari". Ora, secondo Fitto, "Serve un’opposizione che sfidi il Governo in positivo predisponendo e organizzando una chiara alternativa. Forza Italia, se vuole ancora avere un ruolo nella vita politica italiana e recuperare i milioni di elettori delusi e astenuti, deve letteralmente rifondarsi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jahier riccardo

    25 Novembre 2014 - 18:06

    La gente è stufa di tutti gli immigrati e voi non avete fatto nulla per fermarli ,anche con l'euro siete solo capaci dire si a tutto quello che fa Renzi .L'unico che sta veramente all'opposizione è Salvini . Purtroppo ve la siete voluta i vostri elettori ve l'hanno fatto capire in tutte le salse

    Report

    Rispondi

  • bernardroby

    25 Novembre 2014 - 04:04

    Silvio forse sei come loro ? dimmi con chi vai e ti dirò chi sei ! Gli elettori sono piu intelligenti di chi governa o , pensa di poterli governare , ambiguità e sottobanchismo cancelleranno il partito di Berlusconi , essere coerente con i fatti non a chiacchiere , serve questo agli italiani , essere leader senza miliardi e possibile vedi Salvini !

    Report

    Rispondi

  • giuliogangi

    24 Novembre 2014 - 23:11

    Su Berlusconi hanno detto di tutto, di più. Nessuno, però, ha detto una semplice verità: è un gran... bonaccione, sempre pronto a calar le braghe su ogni mediazione e, mentre allontana i migliori, abbraccia i peggiori il tutto con la benedizione di quel "cardinale" che si porta dietro. Ho la netta sensazione che non sappia nemmeno il vero motivo per cui cadde il suo governo nel 1994.

    Report

    Rispondi

  • claudionebridio

    24 Novembre 2014 - 18:06

    Troppi Dudu, Carfagne e Pascale nelle campagne berlusconiane di FI. Troppe concessioni al laicismo europeo e troppa ambiguità verso un'istituzione europea che ci sta portando VOLUTAMENTE al collasso; troppi contatti con personaggi non graditi da elettori di centro-destra. Troppa ambiguità in merito ai principi naturali non negoziabili. Nessuna reazione alle prove del colpo di Stato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog