Cerca

Riforme

Pd e Forza Italia si rivoltano a Renzi, la contromossa del premier: "Al voto a maggio"

Pd e Forza Italia si rivoltano a Renzi, la contromossa del premier: "Al voto a maggio"

La cosa sembra stia sfuggendogli di mano e il premier non ci sta. Ieri, a sorpresa, la maggioranza è finita sotto in commissione Affari Costituzionali alla Camera con i deputati della minoranza che hanno votano insieme alle opposizioni di Sel, Lega, M5S e al dissidente Fi Maurizio Bianconi. "Pensano di intimidirci, hanno tradito un vincolo, ma non mi conoscono", ha tuonato Matteo Renzi. "Si divertono a mandarci sotto per far vedere che esistono, persino a costo di votare con Grillo e Salvini. Questo è il loro livello. Non hanno tenuto fede alla parola data. Però non vale la pena arrabbiarsi. Andranno sotto in aula. E quindi andiamo avanti". Ma Renzi non ce l'ha solo con i ribelli del Pd. Subito dopo il voto lancia infatti segnali ben precisi anche a Silvio Berlusconi e a Forza Italia. "Se lui molla l'accordo, noi andiamo dritti sulla nostra strada con il Mattarellum e ci presenteremo da soli alle elezioni, visto che il Pd è un partito maggioritario, con quel sistema", avrebbe detto Renzi secondo il retroscena del Corriere della Sera. Il che significa, spiega Maria Teresa Meli, non solo rompere con Berlusconi, con tutto quel che ne consegue (per esempio, che il numero uno di FI non toccherà palla sull'elezione del capo dello Stato), ma prefigurare un voto politico ravvicinato, quando il Mattarellum verrà approvato dalle Camere. Tant'è che si ipotizza già un possibile "election day" a maggio con Regionali, Comunali ed elezioni politiche. Ma questa, al momento almeno, è più che altro un'arma di pressione, perché lo scioglimento anticipato della legislatura non è l'obiettivo prioritario di Renzi, il quale, peraltro, è convinto che, alla fine, "Berlusconi non romperà". Però, è chiaro, che di incidente in incidente, di problema in problema, si potrebbe comunque scivolare verso il voto anticipato. Anche perché tra i renziani cresce la tentazione di andare alle elezioni. Lo scrive chiaramente Roberto Giachetti, vicepresidente della Camera e deputato Pd su Twitter: "I frammenti di minoranza finalmente si uniscono. Obiettivo impallinare il governo. Con amici così a che servono i nemici? Elezioni subito".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    10 Marzo 2015 - 17:05

    Al voto a maggio?Ciarlatano Piazzista denutrito,truffatore....Se andiamo alle urne prendi una sberla che ti fischiano le orecchie per 20 anni.Buffone che fai minacci?

    Report

    Rispondi

  • babbone

    12 Dicembre 2014 - 16:04

    Come i bambini viziati, se lo attacchi minaccia, a parole, nei fatti non ci farà mai votare a maggio perchè a paura.

    Report

    Rispondi

  • er sola

    12 Dicembre 2014 - 15:03

    L'importante è votare! Va bene essere arrabbiati ma, non votare significa che qualche incapace, com'è successo ultimamente, si ritrovi alla guida del Paese con un numero insignificante di voti. Ricordiamoci tutti che il vero potere lo abbiamo noi e noi siamo i responsabili del nostro destino.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    11 Dicembre 2014 - 17:05

    Che fosse la volta buona ... e così potremo vedere se gli Italiani che tanto si lamentano avranno il coraggio di trombare i "ladroni", da qualsiasi parte stiano.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog